IVREA – La Città Metropolitana di Torino è al lavoro per ridurre il disagio delle famiglie degli studenti che hanno richiesto l’iscrizione al Liceo Scientifico con indirizzo sportivo presso l’Istituto Antonio Gramsci di Ivrea senza poterla ottenere, a causa della carenza di spazi idonei nel plesso scolastico eporediese.

gymtonic
giuanun
Paonessa

Ma raccontiamo di cosa si tratta: quarantanove famiglie stanno combattendo contro l’istituzione scolastica perchè, tra circa 1000 ragazzi che il prossimo anno inizieranno la scuola superiore, solo 49 non verranno accettati perché hanno scelto di iscriversi all’indirizzo Scientifico Sportivo del Gramsci.

Infatti, dei 77 alunni iscritti a questo indirizzo, solamente i primi 28 saranno accettati in base ad una graduatoria che non ha riguardato tutti gli altri indirizzi.

growupcerimonie
primocontattolungonuovapertura
Pandolfini

“Questo ci viene comunicato tramite mail (inviata dal Gramsci) il giorno 16 febbraio, – raccontano i genitori dei ragazzi esclusi – unitamente al fatto che, anche la seconda scelta, effettuata in fase di preiscrizione, seppur rivolta ad altri indirizzi del Gramsci, non potrà ugualmente essere accettata perché le classi risultano già al completo. Scopriamo così che, trattandosi di una seconda scelta, si è passati in coda a tutti gli altri che l’hanno effettuata come prima scelta e sono stati accettati.

Ci vengono dunque chiuse completamente le porte dell’Istituto. Nella mail viene quindi richiesto di fornire, inderogabilmente, entro il lunedì 19 alle ore 12, ovvero entro meno di tre giorni (coincidenti con un fine settimana!) una nuova scuola, al quale si preoccuperebbero loro di trasmettere (premurosamente…) la nostra richiesta di iscrizione. Qualche mamma, presa dall’ansia, prova a rivolgersi telefonicamente al Botta, ma anche questo istituto pare abbia già le classi al completo.

Insomma ad Ivrea non ci sono altre possibilità, se non gli istituti tecnici, perché il Liceo Gramsci è l’unico liceo scientifico del territorio.”

Banner_730x100
Original Marines
Monalisa Ozegna ok 700×100

“Noi genitori siamo sconcertati. – concludono – I nostri figli estremamente avviliti, demotivati. Il loro diritto allo studio (tra l’altro dell’obbligo fino ai 16 anni) viene calpestato: per aver espresso una preferenza (indirizzo sportivo), dopo esser stati sottoposti ad una graduatoria, sono stati infatti respinti da tutti gli indirizzi della scuola scelta.”

Oggi in Città Metropolitana si è tenuto un incontro tra il Consigliere metropolitano delegata all’istruzione Barbara Azzarà e il dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento scolastico, il Sindaco di Ivrea Carlo Della Pepa, i funzionari dell’Ufficio scolastico territoriale e dell’assessorato regionale all’istruzione, i dirigenti scolastici del Liceo Scientifico Gramsci, del Liceo Classico Carlo Botta e dell’Istituto Cena di Ivrea.

Allianz 2 modifica jpeg
mafish nuovo 730×100
burgerbanner

“Enti locali e dirigenti scolastici – afferma la Città Metropolitana in una nota – sono al lavoro per individuare una soluzione che consenta agli studenti del territorio eporediese che non hanno potuto ottenere all’indirizzo Sportivo del Liceo Gramsci di riorientarsi su altri indirizzi: in particolare sul Liceo Scientifico opzione Scienze applicate. Una nuova sezione inerente a quest’ultima opzione potrebbe essere attivata, compatibilmente con la disponibilità di spazi e la garanzia del rispetto delle norme di sicurezza, (preferibilmente) nell’attuale plesso del Gramsci. Su quest’ultimo aspetto saranno impegnate le competenze nel Servizio Edilizia scolastica della Città Metropolitana. Viene anche valutata l’ipotesi di proporre ad alcuni studenti eporediesi esclusi dal Liceo sportivo di Ivrea l’iscrizione al Liceo Scientifico Internazionale Botta o all’Istituto Olivetti.”

Monalisa Ozegna 700×100 2
Tritapepe
aronne

“Comprendiamo le preoccupazioni e il disagio delle famiglie, – sottolinea Barbara Azzarà, Consigliere metropolitano – e proprio per questo abbiamo messo a disposizione le competenze del nostro Servizio Istruzione e orientamento scolastico, per accompagnare gli studenti  e le loro famiglie a compiere scelte ponderate. La nostra priorità è garantire il diritto allo studio di tutti i ragazzi e in particolare di quelli del territorio eporediese che sono rimasti esclusi dal Liceo Sportivo e che potranno essere accolti in altri indirizzi e opzioni.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.