domenica 28 Febbraio 2021

INGRIA – Il paese è stato inserito nella Guida “Comuni Fioriti 2018”

INGRIA – Lunedì 26 febbraio a Torino è stata presentata la Guida “Comuni Fioriti 2018”, evento al quale ha coinciso l’apertura del Concorso Nazionale Comuni Fioriti. Il tavolo dei relatori era composto da Renzo Marconi presidente dell’associazione Comuni Fioriti, Marco Bussone Vicepresidente Uncem Piemonte e Sergio Ferraro Vicepresidente Comuni fioriti.

[su_slider source=”media: 143165,125676,140168″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Presenti molti sindaci ed amministratori piemontesi, emblematico il fatto che tra i presenti vi fossero rappresentanze di Comuni che non hanno ancora mai partecipato a precedenti edizioni, ma interessati e sensibili al progetto turistico. L’argomento della fioritura non vuole infatti focalizzarsi solo sul lato estetico, ma intende abbracciare tutti gli aspetti in ambito turistico, ambientale e di valorizzazione del territorio.

[su_slider source=”media: 144756,139264,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Nell’ambito della presentazione sono intervenuti il Sindaco di Ingria (località della Val Soana già premiata con 4 fiori e soprattutto con la prima posizione nazionale di categoria), che rappresenterà l’Italia nel concorso Europeo insieme a Cabella Ligure, con il Sindaco di Pomaretto reduce dell’esperienza europea e candidato al mondiale per il 2018.

I due sindaci hanno esposto le loro esperienze con i partecipanti condividendo il grande valore e potenzialità che può avere un’iniziativa come questa; sono poi intervenuti l’Assessore Regionale all’Agricoltura Ferrero e la Miss Comuni Fioriti 2017 Debora Cipriano Monetta.

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Come Comunità di Ingria – dichiara il Sindaco Igor De Santis- è da anni che crediamo in questa iniziativa ed in quello che rappresenta. Ricordo ancora la prima iscrizione, all’epoca ero Assessore, oggi sono alle soglie della fine del mio secondo mandato come Sindaco, questo indica la costanza e la convinzione con cui abbiamo aderito in questi anni ad un progetto che sicuramente non ha mai voluto essere un banale concorso di “bellezza floreale”. Il primo risultato fu quello di “un fiore”, con il passare degli anni il nostro grado di fioritura è progressivamente aumentato, ma la vera vittoria non è stata quella di vedere accendersi un fiore in più sul nostro cartello, quello è stato solo un indicatore. Ogni anno abbiamo creduto sempre più in questo progetto vedendo che era diventato una ruota di traino per molteplici eventi ed attività comunali. Con l’istituzione del concorso interno comunale “Balconi fioriti” si è innescata per esempio una sorta di collaborazione-competizione che ha reso ogni giorno più accogliente e gradevole il nostro Comune. Il più grande valore che ho percepito in questa esperienza decennale – conclude De Santis – è stato l’aspetto formativo che ha avuto nei confronti dei cittadini, associazioni, villeggianti e turisti; uno stimolo a creare una sinergia nell’operare insieme e promuovere la tutela di ambiti quali ambiente, rifiuti, energie rinnovabili, cultura, architettura, tipicità e soprattutto Accoglienza. Non mi resta che promuovere questo slogan “un fiore può fare la differenza, provate anche voi”!”

[su_slider source=”media: 119356,116078,144835″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Anche il Consigliere Comunale Andrea Cane ha voluto commentare il perdurare positivo di questo progetto ingriese :”Poter coordinare ed organizzare le attività turistiche con un gruppo così affiatato è stata veramente una grande soddisfazione! Per noi nati negli anni ottanta Ingria rappresenta una “piccola Patria da difendere” e continueremo ad impegnarci seriamente in questi progetti di rivalutazione strutturale e d’immagine. Ciò lo faremo non solo per il futuro dei Nostri Giovani, ma anche per poter fornire un esempio a tutti i Piccoli Comuni, evidenziando che non si deve mai abbassare la testa di fronte agli Enti maggiori, che di solito vengono ritenuti dei nemici, anzi: – conclude Cane – bisogna invece dimostrare di poter essere autonomi nelle proprie scelte e diventare un esempio virtuoso da imitare e perseguire nel tempo”.

[su_slider source=”media: 109265,144690,144691″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...