giovedì 26 Novembre 2020

TORINO – Nue112, giornata europea, ma il sistema di gestione crea problemi

Le rappresentanze dei lavoratori delle sale operative celebrano questa giornata inviando alla IV Commissione Sanità della Regione Piemonte un documento contenente i criteri per attuare sul territorio soluzioni interforze

TORINO – Nelle regioni Italiane dove il Numero Unico di Emergenza, NUE112, è attivo si sono registrate gravissime problematiche.

Lazio, Piemonte, Lombardia, Trentino e Toscana sono le prime regione che stanno facendo i conti con questo sistema di gestione soccorso fallimentare fin dai primi giorni. Siamo riusciti anche questa volta a creare un sistema che dilata i tempi di risposta al cittadino ed in più con costi altissimi per le casse delle stato/regione.

“Complimenti a tutti questi dirigenti/tecnici e politici che per interessi propri continuano a far finta di non sentire chi tutti i giorni lavora per il cittadino. Sindacati di polizia, vigili del fuoco e operatori sanitari 118 ringraziano.”
Questo è il pensiero comune, non soltanto dei sindacati di Vigili del Fuoco, Polizia e Infermieri 118, ma di tutti coloro che operano sulle direttive di questo sistema di gestione.

[su_slider source=”media: 143165,125676,140168″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Tutti i uniti, i Sindacati, hanno emesso un comunicato congiunto, che pubblichiamo qui di seguito:

“In riferimento a quanto comparso sul sito della Regione Piemonte, la decima edizione della giornata europea del 112 NUE – Numero Unico Europeo – (fu istituita nel 2009) ci vede ancora lontani dall’avere una copertura nazionale ma data l’inadeguatezza del modello italiano, questa è una buona notizia. Aldilà delle risultanze e degli esiti giudiziari rimane certezza che finora nulla sia stato fatto per correggere quegli errori fatali approdati sul tavolo di due procure.

L’allungamento dei tempi di risposta, le centinaia di localizzazioni errate, l’inoltro delle chiamate ai servizi sbagliati e l’incomunicabilità tra gli enti del soccorso sono noti. Le interrogazioni parlamentari, regionali, le proteste e le petizioni non si contano più; ricordiamo i toni trionfalistici con cui si affermava la nascita di un nuovo servizio senza che i cittadini si accorgessero del cambiamento ed è sulla base di questa convinzione che informare la popolazione, benché dovuto per legge, è stato ritenuto superfluo.

[su_slider source=”media: 141879,139264,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Gli effetti sono ben visibili. Su quasi un milione di chiamate pervenute al 112 NUE nel 2017 la metà sono state archiviate cioè non sono state trasmesse ad alcun servizio. Questo significa che la metà delle richieste hanno contribuito a sovraccaricare le linee di comunicazione, a diminuire la ricettività, ad aumentare i tempi d’attesa e a creare i colli di bottiglia.

Un’informazione corretta e capillare avrebbe diminuito il numero di richieste totali ottemperando ad un’attività chiamata prevenzione. Solo incompetenza o malafede scambiano un problema per un successo, intestando i meriti di quest’ultimo ad un filtro efficace condotto dagli operatori. Sono state dilapidate risorse pubbliche per strutture ridondanti, moltiplicando gli incarichi governativi e gli sprechi. Con cifre nettamente inferiori avremmo potuto convogliare la risposta in un’unica soluzione e adeguare la tecnologia obsoleta utilizzata dai sistemi di emergenza.

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

La parola “geolocalizzazione” ha il potere di far inorridire qualsiasi addetto ai lavori: né pattuglie, né ambulanze sono geolocalizzabili. La Centrale Unica di Risposta 112 non dispone di connessione internet, condizione peraltro condivisa con l’emergenza sanitaria. Non sono stati sufficienti i casi riportati sulle cronache nazionali, a rimettere in discussione l’impianto fallimentare che ha mostrato tutti i suoi limiti anche nella città di Torino durante la tragedia di Piazza San Carlo.

Politici e dirigenti, avvezzi a scaricare le proprie colpe sull’ultimo degli esecutori, hanno sempre evitato accuratamente il confronto per interessi economici e clientelari, per la svendita del servizio pubblico in favore di enti privati, per l’arroganza dell’impunità di chi, nonostante il tributo di vite umane e i disagi che quest’organizzazione ha causato, non ha mai sentito il bisogno di chiedere scusa.

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Le rappresentanze dei lavoratori delle sale operative celebrano questa giornata inviando alla IV Commissione Sanità della Regione Piemonte un documento contenente i criteri per attuare sul territorio soluzioni interforze, sollecitando nel contempo la richiesta di un’audizione congiunta pervenuta alla Commissione stessa ormai diversi mesi orsono.”

Original Marines

Per il tuo Natale...

- Advertisement -

Leggi anche..

TORINO – Si reca dai Carabinieri per autodenunciare il possesso di una pistola

TORINO - A Torino, i militari dell’Arma hanno arrestato per porto illegale di armi e munizioni e per ricettazione, un italiano di 31 anni...

TORINO – Cinque casi di violenza contro le donne negli ultimi mesi all’attenzione della Polizia

TORINO - Federica ha scoperto che il suo convivente fa uso di droga. Il suo carattere è cambiato e sta diventando sempre più aggressivo...

TORINO – Favorivano l’immigrazione clandestina: 8 misure cautelari e 67 denunce (VIDEO)

TORINO - Dall’alba, in tutto il Piemonte ed in altre località del territorio nazionale, oltre 50 Carabinieri del Comando Provinciale di Torino stanno eseguendo...

VENARIA / TORINO – Esce pur essendo in isolamento, denunciato; bar lascia consumare al bancone, chiuso

I carabinieri del Comando provinciale nel corso dei servizi di controllo del territorio effettuati nel fine settimana, intensificati in questo periodo emergenziale per verificare...

VAL SUSA – Confermata la presenza di uno stambecco bianco sul Monte Palon, in Valle di Susa

VAL SUSA - Da alcuni giorni in Valle di Susa tra gli escursionisti si era sparsa la voce sulla presenza di un animale inconsueto,...

Ultime News

CANAVESE – 200 persone su 4671 del personale sanitario Asl To4 sono positivi

CANAVESE – Ad oggi, giovedì 26 novembre, sono 200 in totale i positivi tra il personale sanitario dell'Asl To4, su 4671 in forza (circa...

Il pallone racconta… Addio Diego!

"Per la rubrica "Il pallone racconta..." l'editorialista di Italpress, Franco Zuccalà, "saluta" Diego Armando Maradona, scomparso il 25 novembre 2020 all'età di 60 anni. https://youtu.be/rOuA9CXxTyA

TORINO – Si reca dai Carabinieri per autodenunciare il possesso di una pistola

TORINO - A Torino, i militari dell’Arma hanno arrestato per porto illegale di armi e munizioni e per ricettazione, un italiano di 31 anni...

MAPPANO – Arrestato un 33enne per estorsione verso un barista in difficoltà

MAPPANO – A Mappano i Carabinieri hanno arrestato un italiano di 33 anni, con precedenti penali, per estorsione. L’uomo aveva proposto al titolare di...

VENARIA REALE – Incontro con l’Asl To3: il Sindaco Giulivi ha avanzato alcune richieste

VENARIA REALE - Come preannunciato dal sindaco della Città di Venaria Reale, Fabio Giulivi, nella mattinata di mercoledì 25 novembre, si è tenuto l'incontro...