sabato 6 Marzo 2021

TORINO – Matteo Salvini ha aperto la campagna elettorale visitando il campo rom (FOTO E VIDEO)

Salvini ha incontrato anche una delegazione dei lavoratori Embraco

TORINO – Matteo Salvini candidato a premier della Lega Nord ha aperto la campagna elettorale a Torino, visitando il campo rom di via Germagnano.

[su_slider source=”media: 125676,140168″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Questo è l’esempio di uno Stato che non funziona”. Ha affermato Salvini rivolgendo poi solidarietà alle forze dell’ordine, ai vigili del fuoco e ai dipendenti dell’Amiat che non riescono a lavorare nonché ai volontari dell’Enpa che hanno subito danni per 30 mila euro e infine a tutti i cittadini che pagano le tasse e respirano ogni giorno piombo, zinco e diossine.

Salvini ha visitato il campo, invaso da bambini che urlavano il suo nome e in mezzo a topi che ha paragonato a vitelli, fermandosi a fotografarli. Poi senza giri di parole ha detto che, appena saliranno al Governo, chiuderanno il campo. “La cosa che più mi infastidisce è che l’Unione Europea multa il nostro Paese per l’inquinamento e qua bruciano di tutto. Conto che sia l’ultima volta che vengo a visitare una vergogna del genere – ha detto – l’illegalità non va tollerata”.

[su_slider source=”media: 141879,139264,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Federica Fulco presidente de TorinoinMovimento gli ha consegnato una lettera: “Ho consegnato anche a lui la lettera che ho depositato al Quirinale. Gli ho spiegato la situazione del canile, dei lavoratori Amiat, dei cittadini costretti a respirare i fumi tossici giornalieri dei rom. Gli ho detto ciò che abbiamo richiesto: l’esercito assieme alle forze dell’ordine.”

Salvini ha incontrato anche una delegazione dei lavoratori Embraco. “Il peso fiscale in Italia è eccessivo, e i lavoratori vengono trattati come birilli. Vogliamo rispolverare la proposta di legge già presentata e mai considerata, che vieta alle aziende che ricevono contributi pubblici di trasferire la produzione all’estero. Prendono i soldi da noi e licenziano i nostri lavoratori per assumerne altri magari in Bulgaria – ha concluso Salvini – se proprio vuoi trasferire la produzione prima restituisci i soldi che ti ha dato l’Italia.”

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...