mercoledì 25 Maggio 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

CUNEO – Sei arresti per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina (FOTO)

È stata denominata “Trafficanti di Anime” l'operazione portata a termine nei giorni scorsi dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Borgo San Dalmazzo

CUNEO  – È stata denominata “Trafficanti di Anime” l’operazione portata a termine nei giorni scorsi dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Borgo San Dalmazzo che ha consentito di sgominare un sodalizio criminale composto da soggetti originari della Costa d’Avorio e del Mali, tutti ritenuti responsabili del reato di favoreggiamento in concorso dell’immigrazione clandestina.

Con l’impiego di circa 30 Carabinieri del Comando Provinciale di Cuneo nelle provincie di Cuneo, Torino ed Imperia è stata data esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal G.I.P. Dott.ssa Emanuela DUFOUR del Tribunale di Cuneo su richiesta del P.M. che ha coordinato le indagini Dr.ssa Chiara CANEPA.

LA RICOSTRUZIONE DEI FATTI

I soggetti arrestati, secondo la ricostruzione degli organi inquirenti, reclutavano come autisti altre persone, organizzando e pianificando veri e propri viaggi da Torino con destinazione Francia per consentire a cittadini extracomunitari, privi di regolare permesso di soggiorno in Italia, di abbandonare il territorio nazionale ed accedere clandestinamente in Francia dietro un cospicuo corrispettivo in denaro e costretti a viaggiare in condizioni molto spesso disumane.
Le indagini, che hanno avuto inizio proprio da alcuni controlli svolti al confine con la Francia nei pressi del Colle della Maddalena nei primi giorni dell’anno 2017, hanno consentito di far luce nel tempo su una vera e propria organizzazione con base operativa a Torino.
Secondo quanto emerso dalle indagini, durante tali viaggi i passeggeri erano costretti a condividere spazi ridotti, all’interno di autovetture o minivan con altre decine di loro connazionali e con la speranza di poter varcare il confine italiano eludendo i controlli su strada.

Gli accertamenti investigativi, esperiti attraverso sofisticate attività tecniche e servizi di osservazione e controllo, sono stati svolti anche grazie alla collaborazione della Polizia nazionale francese coordinata dalla Procura di Lione che, a seguito di rogatoria internazionale richiesta dalla Procura di Cuneo, forniva elementi utili per dimostrare il notevole flusso di denaro che intercorreva tra i passeggeri e gli indagati, accertando inoltre numerosi viaggi effettuati anche durante il 2016.
È stato così possibile dimostrare che i passaggi dall’Italia alla Francia (circa 200) sono stati eseguiti attraverso il territorio della Provincia di Cuneo sia a mezzo di autoveicoli sia con passaggi in treno, occultando i passeggeri in piccoli nascondigli dei convogli ferroviari: tale ultima modalità di trasferimento è stata adottata, secondo quanto si è potuto ricostruire nel corso delle indagini, quando sono aumentati i controlli su strada delle Forze dell’Ordine.

Nel corso delle investigazioni sono stati eseguiti anche gli arresti in flagranza di due autisti incaricati di condurre i migranti in territorio francese, in un luogo prestabilito, per poi fare rientro in Italia.

Risultano essere ancora irreperibili due latitanti, raggiunti dal provvedimento restrittivo, ancora attivamente ricercati dai Carabinieri.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img