martedì 22 Giugno 2021
martedì, Giugno 22, 2021
spot_img

SAN MAURIZIO CANAVESE – Incontri con i neodiciottenni

SAN MAURIZIO CANAVESE – Si arricchisce di eventi e di nuovi valori, quest’anno, l’incontro fra i neodiciottenni, il Comune e la società civile, appuntamento che per tradizione, a San Maurizio Canavese, sancisce l’ingresso dei “coscritti” nella maggiore età e conferisce loro, simbolicamente, il ruolo di forze attive, vitali e responsabili all’interno della comunità.

[su_slider source=”media: 125676,132564,138203″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Tre, infatti, sono gli eventi organizzati per i ragazzi del 2000. Il primo è in programma sabato 20 gennaio, alle ore 21 a Casa Marchini Ramello, dove i coscritti saranno ricevuti – oltre che dal comandante della Polizia municipale, Fabio Mostacchi – dai volontari dell’ACAT (l’associazione dei club alcolisti in trattamento) che li coinvolgeranno in una riflessione su una tematica, quella dell’abuso irresponsabile di bevande alcoliche, tanto grave e delicata quanto spesso sottovalutata. Nella stessa serata, i coscritti conosceranno da vicino anche
un’importante e storica istituzione del nostro paese: i Vigili del Fuoco Volontari,  che illustreranno i valori e le attività del distaccamento sanmauriziese. Infine, i “ragazzi
del 2000” saranno coinvolti dai rappresentanti dell’associazione Giovaninsieme di
Nole in una serie di giochi e riflessioni per focalizzare la loro attenzione sull’importanza del mettersi in gioco quotidianamente per se stessi e al servizio della comunità.

[su_slider source=”media: 139885,134236,139264″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Sabato 3 febbraio, invece, si svolgerà in municipio il tradizionale incontro ufficiale con l’Amministrazione comunale. Alle 15.30 i ragazzi saranno ricevuti dal sindaco, Paolo Biavati, e dalla consigliera delegata alle Nuove generazioni e alle Politiche giovanili, Giulia Gobetto. Seguiranno un breve intervento di presentazione da parte dei presidenti delle associazioni Avis, Aido e Admo, la cerimonia di consegna degli attestati, l’immancabile foto di gruppo e un rinfresco per tutti.

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Tra i due eventi “ufficiali”, però, ce n’è un terzo che ci piace segnalare: la cena dei coscritti in programma sabato 27 gennaio nel salone della sede degli Alpini. La segnaliamo con piacere perché sono stati gli stessi coscritti a chiedere al Comune di organizzarla, con una motivazione del tutto condivisibile perché indice di una bella maturità: “Prima di fare la consueta festa per conto nostro in discoteca e al ristorante – hanno detto i ragazzi all’Amministrazione comunale – ci piacerebbe organizzare una serata nella nostra comunità per conoscerci bene tutti”. E così si ritroveranno per una cena che sarà preparata per loro da alcuni volontari, compresi assessori e consiglieri.

«È un momento importante, per noi – commenta la giovane Alice, fra le organizzatrici dei festeggiamenti insieme ai suoi coetanei – Saremo più di 50 e siamo sicuri che sarà una bella festa. Saranno molto significativi e interessanti anche questi i momenti di incontro e riflessione organizzati dal Comune, un’occasione per conoscere meglio la nostra comunità e soprattutto le associazioni di volontariato che vi operano per il bene di tutti. Poi, certo, ci saranno anche i momenti di pura festa, andremo in discoteca e poi a pranzo al ristorante. Ma incominciare i festeggiamenti con le istituzioni e in seno alla nostra comunità è un passo molto importante e significativo».

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

«Questi eventi – spiega la consigliera Giulia Gobetto – rappresentano per l’Amministrazione comunale il modo per manifestare la nostra vicinanza a questi ragazzi, accompagnandoli verso un traguardo così importante per loro e per le loro famiglie. E’ fondamentale rendere solenne il loro inserimento nella società quali membri attivi e soprattutto vitali della nostra comunità, oltre che rimarcare le responsabilità verso i valori che ne sono alla base. Ringrazio questi meravigliosi ragazzi per l’entusiasmo con il quale stanno rispondendo e tutte le associazioni che arricchiranno insieme a loro i nostri incontri».

spot_img
spot_img
spot_img