mercoledì 20 Gennaio 2021

BUSANO – Incontro tra i Sindaci del territorio e i rappresentanti dell’ANPCI (VIDEO)

I Comuni verrebbero riuniti in questi ambiti per svolgere le funzioni in modo associato

BUSANO – Lo scorso lunedì si è tenuto, presso il salone polivalente di Busano, un incontro tra i Sindaci dei piccoli comuni e l’ANPCI (Associazione Nazionale Piccoli Comuni d’Italia).

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Argomento del convegno, la decisione assunta dalla Regione Piemonte di costituire degli Ambiti Territoriali Ottimali.

In tali ambiti dovrebbero confluire tutti i Comuni e svolgere funzioni associate, quali ad esempio la segreteria generale, l’organizzazione, la gestione finanziaria, i tributi…

I Comuni avranno la possibiltà di scegliere l’ambito, ma dovranno comunque farne parte. Le altre province stanno insorgendo a questa decisione.

[su_slider source=”media: 133622,132535,125676,110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il rischio è che i Comuni di piccole dimensioni vengano fagocitati da quelli grossi, e che i servizi resi al cittadino siano minori di quelli attuali.

La Regione dovrebbe incentivare gli ambiti: ma per quanto? Inoltre si rishierebbe un aumento dei costi per i cittadini. La domanda che i sindaci e l’ANPCI si sono posti è: dove si vuole arrivare con questa operazione? Il timore è che si voglia giungere ad una fusione, andando a diminuire il numero dei Comuni.

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Diverse sono le obiezioni che hanno sollevato i sindaci e gli amministratori presenti all’incontro (oltre a Busano, Burolo, Lusigliè, Vialfrè, Maglione, Montalenghe, Settimo Rottaro, Front, Ozegna, Pertusio, Borgiallo, Oglianico, San Ponso, Vallo Torinese, Mattie, Salassa, Vische, Ribordone e Ronco Canavese), tra cui le difficoltà che incontrerebbero i comuni montani maggiormente isolati, e comunque tutti in disaccordo sulla creazione di questi “ambiti territoriali ottimali”.

In generale l’autonomia di ogni singolo comune sparirebbe. E anche in caso di referendum si sommerebbero i voti di tutti i comuni dell’ambito, quindi, i risultati di quelli piccoli, non avrebbero alcun valore rispetto a quelli dei centri grandi.

I costi sarebbero uguali per tutti, con il rischio di un aumento per i cittadini.

[su_slider source=”media: 133233″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”1600″ height=”220″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″]

GUARDA IL VIDEO


[su_slider source=”media: 130212″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”1600″ height=”220″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″]

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

 

Leggi anche...