martedì 11 Maggio 2021

FAVRIA – Storia di un emigrante: Manuel Baima Besquet, professione pasticciere giramondo

FAVRIA – Dal Canavese fino a Taiwan, passando per Spagna, Australia, Indonesia e Dubai: un lungo e fortunato peregrinare per le cucine dei ristoranti più rinomati del mondo quella del pasticciere Manuel Baima Besquet, animato da una smisurata passione per la cucina. E per il viaggio, ovviamente.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Trentacinque anni originario di Favria, Manuel comincia a cimentarsi nell’arte culinaria all’interno della panetteria e pasticceria di famiglia. Spinto dalla voglia di migliorarsi approda a Venezia dove, sotto la guida di Andrea Zanin, apprende tradizioni e innovazioni dell’arte dolciaria. Dopo diverse stagioni nelle più note località vacanziere del nostro Paese il primo approdo all’estero, nelle isole Canarie dove tuttavia lavorerà per un breve periodo, prima di trasferirsi in una località tra Valencia e Alicante.

La tappa successiva del viaggio di Manuel è oltreoceano, in Australia. Ottenuto un visto di un anno si trasferisce nella “terra dei canguri”:  “Dopo qualche giorno dal mio arrivo fui assunto in un ristorante italiano- spiega Manuel ma la mia ambizione era quella di lavorare negli hotel dove poter apprendere tecniche nuove. Così trovai lavoro presso il resort di lusso di Hayman Island, sulla grande barriera corallina”. Ma è già tempo di ripartire questa volta verso l’Indonesia e successivamente Singapore. Qui Manuel si occuperà della consulenza in vista della apertura di due ristoranti: “ Il mio compito consisteva sostanzialmente nell’individuare che genere di cucina presentare, quali piatti inserire nel menù. Insegnavo anche ai cuochi come preparare questi piatti e come fare per mantenere alti standard qualitativi”.

[su_slider source=”media: 124101″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”730″ height=”180″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″ speed=”0″]

Dopo un breve intermezzo italiano presso il Ristorante Trussardi alla Scala di Milano, Manuel riceve una nuova offerta di lavoro e prende il primo aereo direzione Dubai, dove si fermerà per 3 anni. Dal 2013, a Dubai, è a fianco di Enrico Derflingher presidente EURO-TOQUES ITALIA (unica associazione di cuochi riconosciuta dall’Unione Europea) per l’apertura di Sapori di Bice dove unisce tecniche e sapori della pasticceria italiana e internazionale. Vince la Gelato Cup all’Italian Cuisine World Summit, e ora, fiero del Made in Italy, delle sue possibilità, e forte di una preparazione in cucina e nel mondo dei dessert davvero invidiabile, è entrato come  capo pasticciere nella squadra di Derflingher nel nuovo ristorante da poco inaugurato a Taipei (Taiwan), Il Mercato, una realtà che davvero rappresenta la cucina italiana a 360° oltre confine.

Il viaggio di Manuel per ora si ferma qui, a Tapei, dove lavora da circa un anno continuando a coltivare la sua passione e facendo conoscere all’estero i suoi dolci, tra cui quelli della tradizione piemontese e canavesana realizzati con prodotti direttamente importati dal nostro territorio: “A Tapei sto bene, certo il Canavese è la mia casa e la lontananza dagli affetti famigliari si fa sentire- spiega Manuel – Spero di poter tornare un giorno magari aprendo un’attività in collaborazione con altri soci, anche se in un primo tentativo in questo senso mi sono scontrato con le lungaggini e  i controsensi burocratici, motivo per cui ho ripreso il mio viaggio per il mondo”.

[su_slider source=”media: 110138,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img