spot_img
giovedì 16 Settembre 2021
giovedì, Settembre 16, 2021

CASTELLAMONTE – dal 20 al 22 ottobre il Concorso Bandistico Nazionale “Michele Romana”

CASTELLAMONTE – L’associazione filarmonica “Valle Sacra” di Colleretto Castelnuovo organizza nel quarto fine settimana di ottobre alla Rotonda Antonelliana di Castellamonte la seconda edizione del concorso bandistico nazionale “Michele Romana”.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

La manifestazione si aprirà venerdì 20 ottobre alle 21 con l’evento “Fisarmoniche in concerto”, in collaborazione con l’associazione musicale e culturale “Guido e Pietro Deiro”. Sabato 21 alle 21 è in progamma una serata concertistica a cui parteciperanno l’Accademia Filarmonica “Aldo Cortese” di Pont Canavese diretta dal maestro Gianluigi Petrarulo, l’Orchestre d’harmonie du Val d’Aoste “en rose” diretta dalla maestra Denise Selvo e l’associazione filarmonica Valle Sacra diretta dal maestro Francesco Fontan.

Ospite d’onore della serata sarà il corpo bandistico “Città di Accumoli” (Rieti), a cui verranno devolute le offerte raccolte durante l’intera manifestazione. Domenica 22 ottobre alle 9,30 inizierà la sfilata delle bande musicali per le vie di Castellamonte con la banda “Città di Accumoli”, la Fanfara degli Alpini di Pralungo (Biella), la filarmonica “Aldo Cortese” di Pont Canavese e la Filarmonica Valle Sacra. Le bande partecipanti al concorso si esibiranno per l’intera giornata alla Rotonda Antonelliana, sino alle 18, ora in cui inizieranno le premiazioni.

[su_slider source=”media: 125676,110138,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

UNA FILARMONICA CHE HA RIANIMATO LA VITA SOCIALE E CULTURALE DI UNA VALLE

L’associazione filarmonica “Valle Sacra” è attualmente è composta da quaranta elementi, diretti dal Maestro Francesco Fontan di Castellamonte. Ha esordito il 23 settembre del 1983 a Colleretto Castelnuovo, segnando un momento importante per la rinascita culturale e sociale del territorio. La strada che attraversa la Valle Sacra si dipana a partire da Castellamonte e giunge sino a Castelnuovo Nigra, il paese della valle posto alla maggiore altitudine, patria del diplomatico risorgimentale Costantino Nigra.

La valle deve il proprio nome alla fitta presenza di cappelle votive, santuari e chiese, spesso antichissime, dove un tempo, i valligiani allestivano sacre rappresentanze per celebrare le principali festività religiose. In una valle apprezzata per la serena bellezza del suo paesaggio, la Filarmonica è nata per volontà di alcuni musici che volevano creare occasioni importanti di aggregazione, allegria e divertimento in compagnia, in alcuni paesi da troppo tempo spenti dal punto di vista sociale. Dopo un periodo di pausa, la Filarmonica ha ripreso l’attività nel 2012 partecipando a San Paolo Solbrito alle celebrazioni per il 60° anno della costruzione della stazione ferroviaria e della prima donna capostazione in Italia, al “Tuttomele” di Cavour, ai festeggiamenti per il centenario della Società Operaia di Roure e alla mostra mercato “Valli di Lanzo” ad Usseglio.

[su_slider source=”media: 124101″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”730″ height=”180″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″ speed=”0″]

Da alcuni anni partecipa al gemellaggio dei Castelnuovi d’Italia, che si tiene a Castelnuvo del Garda. Ha partecipato al raduno nazionale bandistico Città di Poirino e al 6° raduno bandistico Città di Follonica. Nell’ottobre del 2014 la Filarmonica ha organizzato il 3° raduno bandistico delle Comunità Montane, con la presenza di otto formazioni. Ha promosso eventi benefici a favore della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro Onlus di Candiolo e della Croce Rossa di Cuorgnè. Ha partecipato nel 2015 alla Sagra del Grissino a Gassino, alla Festa dell’Uva a Castelnuovo del Garda ed ha sfilato suonando nel parco divertimenti Gardaland.

Nel 2016 ha partecipato al concorso Flicorno d’oro a Riva del Garda ed ha tenuto un concerto nella frazione di Sant’Antonio per una raccolta fondi a favore della Fondazione Piemontese di Candiolo. Ed è proprio il caso di dire che… la musica non è finita!

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img