spot_img
sabato 18 Settembre 2021
sabato, Settembre 18, 2021

CUORGNÈ – Storie di coraggio e volontà: una giornata con i militari/atleti del Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa (FOTO e VIDEO)

CUORGNÈ – Ospiti in città nella giornata di venerdì 6 ottobre i militari del Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa, nato nel 2013 grazie al protocollo d’intesa tra la Difesa e il Comitato Paralimpico Italiano e costituito da militari disabili delle quattro Forze Armate.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Un progetto rivolto al personale militare che ha riportato lesioni permanenti e invalidanti durante il servizio in Italia o all’estero.

L’iniziativa promossa dall’Associazione Paracadutisti del Canavese e dall’amministrazione, si è svolta in due tempi: al mattino i militari hanno incontrato gli studenti delle scuole elementari e dell’Istituto 25 Aprile mentre alla sera in Trinità si è tenuta una conferenza aperta alla cittadinanza dove gli atleti hanno raccontato, supportati dalla proiezione di alcuni filmati, le loro esperienze di vita. Presente anche Gian Micalessin inviato di guerra e scrittore, che ha presentato al pubblico il suo libro “Afghanistan solo andata. Storie di soldati italiani caduti nel paese degli aquiloni”.

“L’Associazioni Paracadusti che ha sede qui a Cuorgnè, in collaborazione con il Comune, ha organizzato questa giornata con il Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa. Al mattino abbiamo incontrato gli studenti delle scuole in Manifattura- spiega Pietro Borghesio, presidente dell’Associazione Paracadutisti del Canavese- Abbiamo presentato ai ragazzi i nostri atleti che hanno raccontato la loro storia. Sono tutti militari in servizio che hanno voluto continuare la vita militare nonostante la loro disabilità mettendosi in gioco attraverso lo sport. Hanno già partecipato all’Invictus Game sia di Orlando che di Toronto dove hanno vinto diverse medaglie quindi sono un valore aggiunto e un esempio per tutti”.

[su_slider source=”media: 125676,110138,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Continuare a lottare con forza e coraggio nonostante le avversità senza arrendersi mai, trasformare quelli che sembravano limiti in punti di forza, la necessità di stare uniti, la solidarietà verso chi deve affrontare qualsiasi tipo di difficoltà ma anche lo sport inteso come mezzo per abbattere le barriere: questi alcuni dei messaggi che i militari hanno voluto trasmettere a piccoli e grandi.

“La nostra amministrazione ha fortemente voluto e sostenuto questo evento – sottolinea Giovanna Cresto, consigliere delegato alla cultura – Riteniamo che il messaggio che questi militari e atleti hanno trasmesso ai più giovani sia di grande valore: l’importanza di fare gruppo, di restare uniti aiutando chi è in difficoltà. Crediamo che questi insegnamenti siano stati recepiti dai ragazzi che escono da questa giornata arricchiti, come lo siamo stati tutti noi”.

Soddisfazione espressa anche dai militari Carlo Carcagni, Gianfranco Paglia e Simone Careddu favorevolmente impressionati dal confronto avuto con gli alunni delle scuole: “Un’ impressione positiva perchè esistono ancora dei ragazzi con dei valori: forse hanno solo bisogno di un piccolo incoraggiamento per tirarli fuori. Siamo certi che famiglie e insegnanti svolgono un ottimo lavoro visto le domande che questi giovani ci hanno posto. Noi torniamo a casa fiduciosi in queste nuove generazioni.”

[su_slider source=”media: 124101″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”730″ height=”180″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″ speed=”0″]

GUARDA L’INTERVISTA

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA LE FOTO

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img