TORINO – Era conosciuto dai pusher del quartiere come il “magazzino all’ingrosso del fumo”, con i prezzi più convenienti della città. Uno stabile di Torino, Via Lanino (Porta Palazzo), occupato abusivamente da famiglie di extracomunitari, era diventato il quartier generale di una banda di spacciatori maghrebini.

Studenti minorenni, prima e dopo la scuola, operai, liberi professionisti erano i clienti abituali del gruppo criminale italo-marocchino che amministrava e governava lo spaccio della droga in Piazza della Repubblica.

L’indagine era iniziata nel maggio 2015, dei carabinieri della Compagnia Torino Oltre Dora, ha permesso di notificare un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a 17 persone, di cui 14 marocchini e 3 italiani, e un divieto di dimora a 3 marocchini.

Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti, aggravato dall’aver venduto decine di dosi anche a minorenni. Accertata l’esistenza di un imponente traffico di sostanze stupefacenti gestito prevalentemente da cittadini di nazionalità marocchina la cui base logistica era situata nello stabile abusivamente occupato.

Advertising App ON 2

L’inchiesta ha già permesso di sequestrare 24 kg di droga, tra hashish, marijuana, eroina e cocaina, e 11mila euro in contanti.
16 persone sono state arrestate in flagranza e 7 denunciate in stato di libertà.

GUARDA IL VIDEO

Associazione Primo Contatto definitivo 700X100
Allianz 2 modifica jpeg
Monalisa Ozegna 700×100 2
Monalisa Ozegna ok 700×100
Banner_730x100
Original Marines
mafish nuovo 730×100

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here