TORINO – La morte ha  bussato troppo presto  alla porta di Stefania Fiorentino, strappando la persona più preziosa per una figlia, il marito i genitori e la sorella.

L’annuncio è stato dato sulla pagina Facebook  dall’associazione “Il Mondo di Bea” nata per volere di Stefania e Alessandro mamma e papà della piccola, al fine di curare e seguire nel migliore dei modi Bea. La piccola che non ha bisogno di presentazioni particolari è da tempo è entrata nel cuore di tutti, è la principessina d’Italia :”Vorremmo trovare le parole giuste, ma purtroppo non ci sono. Stefania, la mamma di Bea, ci ha lasciato questa sera. Di fronte a un momento così difficile, sono certa che rispetterete il nostro silenzio”.

Advertising App ON 2

Stefania Fiorentino aveva solo 35 anni , cinque li ha dedicati lottando con ogni mezzo per trovare la ‘chiave’ della malattia rara che ha colpito la loro bimba, senza mai perdere le speranze e sempre con un sorriso sulle labbra non si è mai lasciata sconfiggere, rialzandosi sempre come una “Guerriera”  supportata dalla mamma Barbara, il papà Tommaso  e la sorella Sara sempre al suo fianco fino all’ultimo . Ed è questa grande forza che all’unisono  la mamma della piccola Bea è stata nominata “mamma dell’anno”. Un plebiscito venuto dalla rete e dalle tante persone che l’hanno conosciuta e sanno la battaglia che con dolcezza estrema e determinazione ha condotto  per combattere la malattia che affligge la piccola adorabile Beatrice.. Una battaglia condivisa dall’altrettanto meraviglioso papà e marito Alessandro.

Associazione Primo Contatto definitivo 700X100
Allianz 2 modifica jpeg

Stefania sognava , un futuro accanto ai suoi amori, assieme a quel principe che la faceva ridere, ballare riempendola di mille attenzioni  e alla sua principessa. Attraverso Bea abbiamo assistito alle  tante lezioni d’amore e dignitosa sofferenza, di forza di volontà che attraverso le televisioni, i giornali ha dato ad ognuno, diventando simbolo di tutte le mamme  che hanno dei figli speciali.  Come speciale è stata Stefania, ha lottato contro un  male che non le ha lasciato nessuno scampo e nonostante l’immenso, devastante dolore, ha trovato la forza di prende la mano di Alessandro della sorella Sara dei suoi genitori trasmettendogli la sua forza non solo per andare a avanti, ma anche per aiutare i bambini meno fortunati e dare sostegno alle loro famiglie tramite la loro associazione: per non lasciare soli i bimbi “speciali”.

Monalisa Ozegna 700×100 2
Monalisa Ozegna ok 700×100

Il volere di Stefania era quello di diffondere attraverso la pagina Facebook la loro  storia,  facendola conoscere a tutti per sensibilizzare il Governo e gli enti competenti, anche solo per dare un nome alla malattia, unica al mondo  che ha colpito Beatrice. Stefania e Alessandro chiedevano solo di essere  ascoltati, cercando qualche caso simile che potesse essere d’aiuto per dare almeno una speranza alla figlia, il diritto a vivere una vita dignitosa per ripagarla anche solo un minimo di tutto quello che le è stato portato via. E ora alla piccola Bea è stato strappato anche quest’ultimo appiglio portandosi via la sua giovane  mamma.

“Ora riposa in pace “Guerriera” il destino con te è stato crudele ma le tue battaglie continueranno nel nome di Beatrice,  un nome speciale che significa “colei che rende felici” perché riempiva di felicità le loro giornate!.”

Banner_730x100
Original Marines
mafish nuovo 730×100

Il Santo rosario si terrà domani (lunedì) alle 18,30 nella Chiesa del Santo Volto, in via Val della Torre 11, Torino. Il funerale si terrà nella stessa chiesa martedì alle ore 14,00.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here