sabato 23 Gennaio 2021

COLLEGNO – Quattrocento commensali alla CenArancio (FOTO E VIDEO)

 

COLLEGNO – Tutti in piazza della Liberazione in frazione Savonera, ieri, sabato 8 luglio, rigorosamente vestiti di arancione, per una cena ormai tradizionale organizzata dall’Associazione Divieto Di Noia e patrocinata dal comune di Collegno.

Una serata all’insegna dell’eleganza, romanticismo, divertimento e solidarietà, infatti il ricavato della quota d’iscrizione per un totale di 1.025 euro, è stato devoluto a sostegno del progetto di “Forma Onlus Ospedale Infantile Regina Margherita” per l’acquisto di un apparecchio ecografico di qualità adeguata per i piccoli pazienti che hanno necessità di controlli.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Una cena all’aperto su tavoli anch’essi total arancioni, messi a disposizione dall’associazione correlate da sedie e bibite analcoliche offerte dagli sposnsor. Ai partecipanti è rimasto solo il compito di portarsi da casa le loro prelibatezze. Poche le regole che andavano rispettate: vestirsi di arancione, non portare super alcolici e bottiglie di vetro e e vietato portare gli amici a quattro zampe.

Diversi cassonetti sono stati messi a disposizione per depositare i rifiuti a fine serata. Anche quest’anno una giuria composta da giornalisti ha premiato la fantasia degli allestimenti, l’abbigliamento dei commensali, rigorosamente color arancio, le acconciature e gli accessori.

 

[su_slider source=”media: 110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Ad allietare la serata l’esibizione dei ragazzi della scuola Hip Hop Danza e Fitness Venaria e dalle ballerine acrobate di AD –Astra, che hanno accompagnato per tutta la serata, tra balli e danze di gruppo. Un modo nuovo per cenare tutti assieme e per riscoprire la convivialità come si viveva nei borghi e riappropriarsi delle vecchie tradizioni come si usava una volta nei quartieri, nelle borgate, nei centri storici delle città, nei paesi, quando ogni motivo era buono per trovarsi e trascorrere del tempo conversando in amicizia nei cortili, nelle strade attorno ad un tavolo, dove tradizione, amicizia, amore per il bello, condivisione e rispetto sono stati i valori in tavola.

[su_slider source=”media:109265,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA IL VIDEO

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA LE FOTO

Leggi anche...