ALPETTE – Nuovo appuntamento al Musrai domenica 9 luglio a partire dalle 15, organizzato dall’Associazione La Neve dell’Ammiraglio in collaborazione con Davide Gamba, della Mondadori Book Store di Ivrea.

Dopo Marco Olmo, sarà ospite del magnifico alpeggio, la pluricampionessa di arrampicata su ghiaccio, guida alpina, volto televisivo di Monte Bianco – Sfida Verticale e scrittrice Anna Torretta che presenterà il suo nuovissimo libro “La Montagna che non c’é”, in libreria dal 4 Luglio.

Naturalmente ad ingresso libero, il Musrai è un luogo consigliatissimo anche per i bambini, inoltre tutti gli animali sono benvenuti.

Anna Torretta, nata a Torino nel 1971 é una delle migliori atlete italiane di montagna. A 12 anni il primo quattromila (Gran Paradiso), a 13 la prima parete nord (Piccola Ciamarella), a 18 la Via degli Svizzeri sul Grand Capucin, poi l’amore per il ghiaccio e le vie di misto, che ha salito con prime femminili e assolute. Pluricampionessa italiana e vicecampionessa del Mondo di arrampicata su ghiaccio, ha partecipato per anni alla Coppa del Mondo della specialità, classificandosi sempre nei primi cinque posti. Si cimenta anche sull’Ama Dablam (6.856 m, da sola), sulle montagne dell’Afghanistan 
e nel 2010 tenta il Cho Oyu (8.201 m). Dal 2004, dopo aver vissuto per alcuni anni a Innsbruck (dove ha fondato una scuola di alpinismo femminile), risiede a Courmayeur, dove lavora come guida per la Società delle Guide Alpine, prima ed unica donna. Nel 2015 diventa volto televisivo partecipando al reality “Monte Bianco – Sfida Verticale” su Rai2.

Advertising App ON 2

Attesissimo il suo libro, “La Montagna che non c’è”: nessuno meglio di Anna Torretta può raccontare quanto vita e montagna siano strettamente intrecciate. Perché ha salito pareti di roccia e cascate gelate in ogni angolo del Pianeta e si è imposta in un ambiente preminentemente maschile. C’è tutto un mondo che prende vita in queste pagine, da una scalata all’altra: la guida alpina che distrugge i segnali sul percorso, perché se non sai ascoltare le fate del bosco che ti indicano la via, non sei degno di scalare. Lola, l’alpinista rimasta paralizzata, che, grazie agli amici, torna in quota. Le tante persone incontrate nei molti viaggi, ognuna con la sua storia. La bellezza che, come l’aria, salendo si fa pura, diventa quintessenza. Attraverso le esperienze di Anna, vediamo la montagna trasfigurarsi: da posto fisico diventa la meta che si sposta ogni volta che pensi di averla raggiunta, proprio come accade nella vita.

Banner_730x100
Original Marines
mafish nuovo 730×100
Monalisa Ozegna 700×100 2
Monalisa Ozegna ok 700×100
Associazione Primo Contatto definitivo 700X100

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here