martedì 26 Gennaio 2021

AGLIÈ – Sabato 24 e domenica 25 giugno: In…canto Canavesano

 

AGLIÈ – Il 24 e 25 giugno, il coro alpino La Rotonda di Agliè ospiterà l’edizione 2017 della rassegna canora “In…Canto Canavesano” a cui prederanno parte una ventina di Cori provenienti da tutto il Canavese!

La manifestazione verrà preceduta da un incontro dal titolo “Coralità amatoriale: quale

Edizione 2015 a Cuorgnè

futuro?” che si terrà sabato 24 giugno alle 21 presso “Il Belvedere” di piazza Castello, 3 (in caso di maltempo la manifestazione si svolgerà al salone Alladium). Interverrà il Maestro Enrico Miaroma.

Domenica 25 giugno, invece, “In…Canto Canavesano” si aprirà alle 10, presso il Salone Alladium in Strada per Bairo (senza numero), con una relazione del Maestro Sergio Pasteris, docente presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino, su “I giovani e la coralità”.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Dopo la pausa pranzo, verso le 14,30, i gruppi partecipanti si esibiranno lungo un percorso itinerante spostandosi e scambiandosi, offrendo al pubblico la possibilità di ascoltare diversi cori ammirando al tempo stesso, la splendida cornice architettonica del centro storico di Agliè.

Alle 17, tutti i cori si ritroveranno presso la chiesa Parrocchiale di San Massimo e Madonna della Neve, in Piazza Castello, per eseguire, a turno, un ultimo brano. Seguiranno le consegne degli omaggi di partecipazione ed i saluti.

La cena di chiusura concluderà la giornata.

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Siamo felici di poter ospitare l’edizione 2017 di questa iniziativa dedicata alla coralità. – Afferma il presidente del coro alpino La Rotonda, Franco Gori – In Canavese i gruppi sono numerosi, oltre una cinquantina, ma, purtroppo, sono poche le occasioni di scambio e confronto. In questa manifestazione vogliamo favorire soprattutto la riscoperta del sentimento di amicizia che lega chi fa parte di un coro e instaurare tra diverse compagini sinergie utili per crescere insieme, favorendo anche momenti di formazione, informazione e sensibilizzazione. Inutile negare che la mancanza di giovani nei cori è una nota amara. Speriamo, con manifestazioni come In…Canto Canavesano, di favorire l’ingresso di nuovi coristi o di incuriosire quanti vorranno partecipare agli incontri con gli esperti, peraltro aperti a tutti. Lo scopo principale che ci prefiggiamo è riaccendere l’amore per il canto e la coralità. Una tradizione, bella e antica, basata su valori di fratellanza e amicizia, di convivialità e scambio, che non devono andare persi”.

[su_slider source=”media: 109265,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...