TORRE CANAVESE – E’ stata una serata di grande impatto emotivo quella trascorsa venerdì 16 giugno presso il Salone Polifunzionale Comunale di Torre Canavese.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

 

Un folto pubblico ha assistito con grande attenzione allo spettacolo – evento teatrale allestito dall’IIS “Piero Martinetti” di Caluso con la regia di Davide Motto: “La S-Cultura del Silenzio è un riflettere comune sulla mafia e sulla legalità.

La mafia non è solo un’organizzazione, è anche uno stato d’animo, fatto di paura, vigliaccheria, indolenza e sfiducia tutti tratti comuni a ciascuno noi. Come combattere l’omertà? Come avere il coraggio di compiere scelte lecite e civili? Come e dove si impara la legalità? Spunti, questi, che sono stati rappresentati da più di 30 ragazzi attori, senza voler dare risposte ma per cercare di crescere insieme.”

Per l’occasione l’associazione Liceo Musicale di Rivarolo è stata invitata a partecipare con le musiche di apertura e chiusura dello spettacolo. Per la circostanza si è dato dunque modo a dei ragazzi di parlare di legalità attraverso gli stessi testi dei detenuti che partecipano al progetto “Parole che Suonano” con le canzoni “Amico mai” e “Primavera” tratte dal CD “Ricomincio da me .. e da voi” di cui la stessa associazione è produttrice.

[su_slider source=”media: 110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

 

Ad esibirsi sono stati i ragazzi della band: Marco Sartore, Marco Lupoli, Alessio Tarsia, Paolo Freisa, Giorgia Goglio, Costanza Ellena, Daniele Malloci, Linda Caresio, Stefania Morabito, Roberto Giolitto, Valentina Merlo, Elena Rossi e Lucia Simonetto.

[su_slider source=”media: 109265,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here