RIVAROLO CANAVESE – Ci ha riprovato. La Concept Event di Torino,  ha organizzato per il secondo anno consecutivo la Nuova Fiera del Canavese e, se l’hanno scorso non c’è stato il rilancio auspicato, quest’anno a consolidarsi sono stati soltanto gli aspetti negativi.

L’incapacità dell’azienda di organizzare un evento che sarebbe dovuto tornare ad essere il fiore all’occhiello della città e del territorio, non è passata inosservata e le parole “Torna ancora più grande” pronunciate dall’amministratore dell’azienda Alfio Bilotta durante le conferenze stampa di presentazione e scritte nei comunicati, si sono rivelate essere solo “fumo”.

Nonostante qualche persona in più durante i pomeriggi festivi, e per assistere agli eventi collaterali organizzati dalle associazioni cittadine, per il resto il flusso è stato bassissimo.

Delusi e scontenti gli utenti che si sono recati in fiera per il rapporto costo d’ingresso/dimensione fiera. Sebbene gli organizzatori avessero affermato, durante l’ultima conferenza stampa, un aumento degli espositori del 12,7% rispetto ai 114 presenti lo scorso anno, in realtà, nei padiglioni ce n’erano soltanto circa una settantina.

Qualche espositore è riuscito, nonostante la poca gente, a vendere i propri prodotti, mentre un bel gruppetto, si è recata dagli organizzatori minacciando di tenere gli stands chiusi durante gli ultimi due giorni se non fosse stato tolto o abbattuto il costo d’ingresso. Ed è per questo motivo che, durante gli ultimi due giorni, il biglietto è passato a 3 euro (altro che rimborso per il brutto tempo come è stato scritto sulla pagina Facebook della Nuova Fiera!).

Disagi per il traffico causati dalla chiusura di corso Rocco Meaglia che sarebbe dovuta essere riempita da espositori e street food : di questi ultimi ne erano stati annunciati 12 ma in realtà erano soltanto quattro.

 

Advertising App ON 2

 

Tornando agli eventi sono stati organizzati dalle associazioni, annullando di fatto i costi per l’azienda (nonostante l’abbattimento del plateatico con l’intenzione dell’Amministrazione di destinare la differenza proprio all’organizzazione degli eventi ). E meno male che c’erano le Associazioni cittadine a presentare eventi di qualità. Nonostante ciò due conferenze sono state programmate il venerdì 28 aprile pomeriggio a partire dalle 16, peccato che la Fiera, in quel giorno feriale, aprisse soltanto alle 18!

Insomma, un’organizzazione che ha fatto “acqua” da tutte le parti (comprese le pozze d’acqua all’interno dei capannoni durante le giornate di pioggia!).

Pochi anche gli addetti alla sicurezza: per fare da guardiani durante le ore notturne (a Fiera chiusa), l’azienda ha richiesto solo tre addetti. Troppo pochi per garantire la massima sicurezza agli espositori. Durante l’apertura c’erano invece le forze dell’ordine: Carabinieri e Polizia Locale (quest’ultima in “straordinario” pagato o compensato con ogni probabilità dal Comune, senza considerare già il numero risicato di Agenti).

Banner_730x100
Original Marines
mafish orizzontale

 

Insomma, questa Nuova Fiera del Canavese è stata ben lontana dalla grande fiera che l’Amministrazione comunale avrebbe voluto vedere realizzata. Il Comune, che con tutta la buona volontà e impegno spesi, avrebbe voluto un risultato ben diverso, ha visto crollare le proprie aspettative, sicuramente mal riposte.

Ma la Fiera del Canavese tornerà, si pensa, nel 2019, con una formula diversa. Sicuramente migliore, anche perchè, visti i risultati, non sarà più la Concept Event ad organizzarla.

 

Monalisa Ozegna 700×100 2
Monalisa Ozegna ok 700×100
contatto-definitivo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here