STRAMBINO – Indagini ancora aperte per la morte di Anna Schniererovà, la 32enne slovacca residente a Ivrea che morì annegata il 30 agosto 2015 nel laghetto artificiale di Crotte, frazione di Strambino.

Ora c’è un indagato per omicidio. Si tratta del custode italiano di 44 anni residente a Druento che diede l’allarme non vedendola tornare a riva dopo che lei, secondo il suo racconto, era andata a fare un bagno.

L’uomo ha sempre però negato qualsiasi coinvolgimento nella morte della donna, che aveva conosciuto soltanto la sera prima in un locale notturno.

Ha raccontato di essersi allontanato quando lei era entrata in acqua e di essersi accorto dell’annegamento solo quando era troppo tardi.

Advertising App ON 2

Il pm Chiara Molinari, che conduce le indagini, ha iscritto l’uomo nel registro degli indagati quale atto dovuto per poter compiere accertamenti. I familiari della vittima hanno già annunciato di volersi costituire parte civile.

Le foto si riferiscono al momento del ritrovamento e recupero del corpo 

primo-contatto
Banner_730x100
Original Marines
mafish orizzontale
adver concordia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here