giovedì 2 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
spot_img

RIVAROLO CANAVESE – Rivabanca verso la fusione con la Banca d’Alba

L'ultima parola spetterà ai soci

RIVAROLO CANAVESE – Rivabanca, a un anno e mezzo dalla nascita, si fonderà con la Banca d’Alba.

La decisione è stata presa per necessità: “L’autoriforma del credito cooperativo – spiega il presidente, Giovanni Desiderio – indica una necessità di accorpamenti o trasformazioni la previsione per i prossimi anni è un passaggio da 370 a meno di 100 BCC con pochissime capogruppo, sembrano opzioni semplici, ma in realtà sono obbligate e le vere scelte sono fattibili soltanto dalle più grandi banche cooperative.
Rivabanca è piccola e giovanissima, anche se la sua gestazione è stata lunga, è durata quattro anni, l’autorizzazione di Banca d’Italia è arrivata il 26 gennaio 2015, la sede e primo sportello ha aperto al pubblico mercoledì 1 luglio 2015
Il percorso iniziato a fine 2010 con la costituzione del Comitato promotore e poi con l’adesione degli oltre 1.500 soci ha incrociato il peggior momento di crisi del sistema bancario in Italia e nel mondo, i cambiamenti e la complicazione delle normative dovute al protocollo di “Basilea 3”, alle numerosissime richieste della BCE di mettere in sicurezza anche le “piccole” banche, la crisi stessa di alcune banche italiane. Oggi siamo ad un punto di svolta per Rivabanca, la nostra banca, ci abbiamo creduto in 1600 canavesani, ma prendiamo atto che il mondo bancario è cambiato .
Un CdA lungimirante, attento e rigoroso, ha l’onestà  intellettuale  di ammettere le difficoltà e la lungimiranza necessaria  per prevenire danni futuri ed il rigore di difendere i risparmi dei soci. Un CdA  che non vuole  “ chiudere la stalla quando i buoi sono scappati”, come si è visto fare nel mondo bancario troppe volte negli ultimi anni, e che sa anticipare le situazioni di stress e garantire  che nessuno  debba  averne danno. Ogni imprenditore – prosegue – sa  che non si può  prescindere dal guardare al futuro, non si può nascondere la testa sotto la  sabbia come lo struzzo  e soltanto chi  è miope  si sofferma  sul risultato  dell’oggi  senza  programmare il domani.”

L’ultima parola spetterà ai soci, ma il consiglio di amministrazione ha già confermato l’inenzione di fondersi con la Banca d’Alba.
“E’  chiaro che – prosegue Desiderio – in mancanza  di una visione di insieme  anche  le cifre vengano lette  in un’ottica  ristretta e  non vengano  interpretate  nella loro dimensione più  ampia.
Ad oggi, e per ora, il conto economico di RivaBanca è migliore di quanto previsto dal piano industriale, ma soprattutto per l’evoluzione continua in chiave restrittiva delle regole bancarie dal punto di vista patrimoniale la situazione può diventare difficile; pertanto ad oggi è stata individuata una soluzione vantaggiosa nella fusione all’interno del mondo BCC ed è necessario cogliere un’occasione  che forse non si presenterà  più.
Non è deontologicamente  corretto  rischiare  il denaro altrui,  quando  è possibile una soluzione per  salvaguardarlo e garantirlo. Per senso di responsabilità è meglio oggi rinunciare al campanile ma ribadire il senso di appartenenza al Canavese, essere riferimento di circa 50.000 abitanti e 21 comuni portandolo in u n contesto più ampio e sicuro, ed approfittare del forte concetto di territorialità insito al sistema stesso delle BCC, é preferibile progettare una fusione per diventare una banca importante che abbia la potenzialità anche per il futuro di portare sviluppo… e chissà finalmente quell’area omogenea che abbiamo sempre chiamato”il giro dei 25” potrà svilupparsi egli abitanti esserne avvantaggiati.”

E conclude: “È vero, RivaBanca ha raggiunto i risultati del suo piano industriale anche prima del previsto, ma è piccola e dunque fragile ed esposta a rischio, nella fusione con una Banca d’Alba ci sono soltanto estremi positivi, come la reale possibilità di sviluppo per il territorio grazie ad una considerevole possibilità di credito; il mantenimento di tutti i posti di lavoro creati per i giovani del territorio che lavorano in RivaBanca; massima garanzia ai soci del valore del loro investimento (1000€ RivaBanca = 1000€ Banca d’Alba e del Canavese) e l’accesso ai numerosissimi servizi ai soci già esistenti in BdA e per forza di cose non ancora attivabili in RivaBanca. È difficile un matrimonio d’amore tra banche, ma almeno se non si è con l’acqua alla gola ci si può scegliere lo sposo…”

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img