lunedì 10 Maggio 2021

CUORGNÈ – Atti vandalici: l’appello del Sindaco su FB ha funzionato

Pezzetto aveva invitato i colpevoli a contattarlo

CUORGNÈ – «Oggi “qualcuno” mi vuole incontrare e nel frattempo qualcuno è già andato a pulire.»

Questo è il risultato del commento che il Sindaco Beppe Pezzetto, questa mattina, ha postato sui social circa gli atti di vandalismo compiuti in piazza Martiri. Un commento che cercava il dialogo.

“ Personalmente io sono per il buonsenso e non per il divieto, per l’educare e non per il punire, e penso di averlo dimostrato. È altrettanto vero che la fiducia si deve conquistare, che il rispetto per gli altri e per la cosa pubblica (educazione civica) deve essere riscoperto a qualsiasi età. Sono per il dialogo sempre, ma chi rompe paga. Ognuno deve imparare ad assumersi le proprie responsabilità, poi è altrettanto vero che chi è senza peccato scagli la rima pietra a partire dal Sindaco, ma non può essere una giustificazione.”

I vandali hanno spaccato un lampione e appiccato una serie di fuocherelli a terra, davanti alle panchine.

«Il mio appello sul social Facebook ha funzionato – conclude il Sindaco – e sono sempre più convinto che il dialogo sia la prima cosa.»

AGGIORNAMENTO ORE 17,20 – Si è conclusa la vicenda degli atti vandalici.

«A prescindere dalle condivisibili o meno opinioni personali che ognuno di noi può avere, – dichiara il Sindaco Beppe Pezzetto – il canale che ho aperto utilizzando i social in questo come in altri casi recenti o di qualche anno fa, è stato utile, sono riuscito ad entrare in contatto e a dialogare con chi si è reso in parte autore della “stupidata” e questo era il mio obiettivo, oltre ovviamente a chiudere la partita in modo indolore sia per la collettività che per i singoli.
E con questo – conclude il primo cittadino – credo si chiuda una vicenda che da negativa, sono certo, sarà un utile esempio di vita, anche per il sottoscritto.”

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img