giovedì 4 Marzo 2021

RIVAROLO CANAVESE – I giovani: protagonisti delle celebrazioni del IV Novembre (FOTO E VIDEO)

RIVAROLO CANAVESE – Erano presenti tutte le scuole elementari e medie della città, venerdì mattina in via Ivrea, per la commemorazione del IV Novembre.

Ad aprire le celebrazioni, presentato da Giuseppe Bollero, il Sindaco Alberto Rostagno che nel suo discorso si è rivolto ai numerosi giovani presenti, rimarcando che “la pace va praticata nella vita di tutti i giorni.”

Oltre al primo cittadino, il discorso ufficiale è stato tenuto anche dal giovane Sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi, Javier Piscitello: «Dobbiamo guardare al futuro con la consapevolezza che ognuno di noi è artefice della storia. Abbiate fiducia delle istituzioni.”

Riccardo Poletto, dell’Istituto SS.Annunziata, ha invece ricordato un giovane caduto rivarolese: Giovanni Bussi, morto al fronte il giorno del suo 19esimo compleanno, il 21 agosto 1917.

Bussi chiamato alle armi il 2 marzo 1917, viene mandato al deposito in Toscana. Il 5 giugno 1917 viene però integrato in nuovo contingente diretto al fronte. Si hanno sue notizie poiché la sorella Maria, annotò in un quadernetto tutto ciò che lo riguardava, compresa la lettera che lui inviò alla famiglia poco prima di partire per il fronte, alla seconda Battaglia di Isonzo, nella quale scrisse: “Mi toccherà combattere non con la penna, ma con le armi. Non ho più speranza di ritornare”. Lettera letta interamente durante la commemorazione.

Oltre alla deposizione della corona dei alloro ai caduti e la benedizione di don Raffaele Roffino, nonché ai discorsi ufficiali, i giovani scolari hanno suonato, cantato, letto brani e poesie per celebrare in modo coinvolgente e toccante la Giornata dell’Unità Nazionele e la Festa delle Forze Armate.

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

Leggi anche...