martedì 20 Aprile 2021

CANAVESE – Un mese di campagna informativa sui disturbi del comportamento alimentare (DCA)

CANAVESE – L’Associazione In Punta di Cuore, costituita da familiari, amici e utenti che hanno trovato accoglienza e cura presso il Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) dell’ASL TO4,

e lo stesso Centro, che ha sede presso l’Ospedale di Lanzo, organizzano un mese di Campagna informativa sui DCA, dal 22 settembre al 23 ottobre 2016. Campagna organizzata in occasione del secondo anniversario del Centro DCA e del primo anniversario dell’Associazione.

Nell’ambito dei disturbi del comportamento alimentare rientrano le patologie come l’anoressia e la bulimia nervosa e i disturbi da alimentazione incontrollata. L’obiettivo della Campagna è quello di informare e di sensibilizzare sul problema tutta la cittadinanza, di cercare di abbattere i pregiudizi sui DCA e di aprire lì dove la patologia tende a chiudere.

“Queste patologie – commenta il Direttore Generale dell’ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone – rappresentano un vero allarme socio-sanitario. Perché il numero di casi è in crescente aumento e perché sono patologie gravi, invalidanti e con un elevato tasso di mortalità. Si tratta di problemi che alterano profondamente la qualità di vita degli interessati, che spesso sono giovani, e delle loro famiglie. Per questo sosteniamo con forza le attività del nostro Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare e ringraziamo l’Associazione In Punta di Cuore per il sostegno continuo, attivo e propositivo, alle attività del Centro. L’Associazione “In Punta di Cuore” è un esempio di come la comunità che interagisce con il servizio pubblico rappresenti una risorsa per la salute dei cittadini”.

“Avendo sperimentato i benefici del coinvolgimento della Comunità nella lotta a questi disturbi – prosegue il dottor Ardissone – riteniamo fondamentale avere al nostro fianco in questa Campagna di informazione i Primi Cittadini del territorio. Il mese di Campagna informativa si apre, quindi, con un incontro rivolto a tutti i Sindaci dell’ASL TO4”.

L’incontro iniziale della Campagna informativa, dedicato ai Sindaci, si è svolto ieri mattina, giovedì 22 settembre, presso l’Aula didattica dell’Ospedale di Lanzo Torinese.

A partire dal 22 settembre 2016, poi, l’Associazione in Punta di Cuore, insieme al Centro DCA dell’ASL TO4, svolgerà giornate informative aperte a tutti presso i Comuni che aderiranno all’iniziativa. Sono già state fissate alcune date: il 28 settembre alle 18 a Settimo Torinese (presso la sala Levi della Biblioteca cittadina, piazza Campidoglio 50); il 5 ottobre alle 18 a Ivrea (presso la sala Santa Marta, piazza Santa Marta); le date ulteriori saranno pubblicate nei siti web www.inpuntadicuore.it e www.aslto4.piemonte.it.

Il mese informativo si chiuderà con due serate (il 22 e 23 ottobre alle ore 21 presso il Teatro Auditorium Lanzo Incontra di Lanzo Torinese) dedicate a uno spettacolo teatrale sulla tematica dei Disturbi del Comportamento Alimentare.

Cosa sono i Disturbi del Comportamento Alimentare

I disturbi del comportamento alimentare sono complesse malattie della sfera psichica che portano, chi ne è affetto, a vivere con l’ossessione del cibo, del peso e dell’immagine corporea. Il peso, tuttavia, non è un marcatore clinico obbligatorio di disturbi del comportamento alimentare, perché anche persone di peso corporeo normale possono essere affette dalla patologia.

Si tratta di disturbi che possono compromettere seriamente la salute di tutti gli organi e apparati del corpo (cardiovascolare, gastrointestinale, endocrino, ematologico, scheletrico, sistema nervoso centrale, dermatologico, ecc.) e portare a morte. Colpiscono con più frequenza le giovani donne e tendono a essere molto mutevoli, anche nello stesso individuo. L’età di esordio si è abbassata e non è raro ormai trovare forme di disturbi del comportamento alimentare anche tra bambini e pre-adolescenti.

Alcuni dati per comprendere l’entità del fenomeno

Da Le Buone Pratiche di cura nei Disturbi del Comportamento Alimentare, pubblicazione promossa dal Ministero della Salute e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Gioventù, uscita nel febbraio 2014, si ricavano i dati che seguono.

In Italia, i disturbi del comportamento alimentare coinvolgono circa tre milioni di giovani, di cui il 95,9% donne e il 4,1% uomini.

La letteratura internazionale indica che, rispetto alla popolazione generale, i casi di anoressia nervosa sono compresi tra 1,4 e 2,8% (con valori inferiori riferiti per la popolazione maschile: 0,24%), percentuale che arriva al 4% se si aggiungono anche i disturbi sottosoglia. I casi di bulimia nervosa sono circa il 5% e tutti gli altri disturbi del comportamento alimentare il 6%.

Il numero di nuovi casi in un anno sono 102 per 100.000 abitanti per l’anoressia nervosa e 438 per 100.000 abitanti per la bulimia nervosa. I disturbi bulimici sono in rilevante aumento negli ultimi decenni.

Il numero di decessi in un anno, rispetto a coloro che soffrono di un determinato disturbo del comportamento alimentare, sono i seguenti: per l’anoressia nervosa tra 5,86 e 6,2%, per la bulimia nervosa tra 1,57 e 1,93% e per gli altri disturbi tra 1,81 e 1,92%.

Alcuni studi affermano che la percentuale di utenti che afferiscono ai centri clinici con domanda di cura per disturbi del comportamento alimentare è del 27,5% per anoressia nervosa, 21,5% per bulimia nervosa e 11,4% per gli altri disturbi. Questi dati sono preoccupanti se si considerano il crescente numero di casi e l’elevato tasso di mortalità. Inoltre, circa il 60-70% delle persone con disturbi del comportamento alimentare che si rivolgono ai servizi di salute mentale ottiene risposte terapeutiche aspecifiche e non ottimizzate per la cura e la gestione dei DCA. Senza considerare la difficoltà, spesso, nell’individuare precocemente queste patologie e nel raccordare la domanda di cura e i servizi di assistenza offerti. Da qui il bisogno di creare centri dove la patologia possa essere affrontata in modo multidisciplinare integrato.

Il Centro DCA dell’ASL TO4

Il Centro per la prevenzione e la cura dei disturbi del comportamento alimentare dell’ASL TO4, che ha sede presso l’Ospedale di Lanzo, è operativo dal 22 settembre 2014.

L’équipe multidisciplinare integrata dedicata alla cura delle persone affette da disturbi del comportamento alimentare è costituita, come previsto dalle linee guida del Ministero della Salute, da medici psichiatri, da psicologi, da medici specializzati in dietetica e nutrizione clinica esperti nel settore tra cui la dottoressa Lilia Gavassa, Responsabile della struttura di Dietetica e Nutrizione Clinica dell’Azienda, e da dietiste esperte nel settore. Operatori che, peraltro, possono avvalersi delle consulenze dei medici della Medicina di Lanzo, della struttura di Recupero e Rieducazione Funzionale, dell’Ostetricia e Ginecologia e della Medicina Nucleare di Ivrea. Referente aziendale e Coordinatore dell’équipe multidisciplinare è la dottoressa Maria Ela Panzeca, medico psichiatra.

Per accedere al Servizio, le persone interessate, i loro familiari, i medici di famiglia o gli altri Servizi invianti, possono prendere contatto con il servizio di accoglienza del Centro presso l’Ospedale di Lanzo (telefono 0123 300724), dalle 8,30 alle 16 dal lunedì al venerdì. La presa in carico delle persone affette da disturbi del comportamento alimentare prevede l’accoglienza da parte di operatori appositamente formati, con accesso sempre dalle 8,30 alle 16 dal lunedì al venerdì. Questi operatori garantiscono la prenotazione degli appuntamenti, ricevono le persone interessate e le loro famiglie e fungono da coordinamento tra le varie figure professionali dell’équipe, non sempre presenti contemporaneamente nel Centro.

L’Associazione “In Punta di Cuore”

L’Associazione “In Punta di Cuore” è stata presentata il 22 settembre 2015 presso la sede del Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare dell’Azienda, a un anno esatto dall’apertura del Centro.

E’ un’Associazione – la prima di questo tipo in Piemonte – che nasce in collegamento con il Centro DCA dell’Azienda dall’iniziativa di persone che conoscono il disagio profondo che accompagna i disturbi del comportamento alimentare. “In Punta di Cuore” è un’Associazione autonoma, senza scopo di lucro, di utenti, familiari e amici che hanno trovato accoglienza e cura presso il Centro DCA dell’ASL TO4, di cui ne condividono i principi e gli obiettivi, e di sostenitori del progetto. L’Associazione è consorziata con “ConsultaNoi”, Federazione delle Associazioni nazionali che si occupano di disturbi del comportamento alimentare.

Per il Centro DCA dell’Azienda l’Associazione “In Punta di Cuore” è un sostegno importante per il lavoro quotidiano dedicato alla prevenzione e alla cura dei disturbi del comportamento alimentare. Il loro ruolo può essere strategico per contrastare la diffusione delle patologie alimentari, che hanno effetti gravissimi dal punto di vista fisico, relazionale, emotivo, organizzativo e sociale. A questo fine, la condivisione delle esperienze è fondamentale.

L’Associazione lavora in un’ottica di informazione e di sensibilizzazione in modo da facilitare la diffusione di una maggiore conoscenza e comprensione dei disturbi del comportamento alimentare. Ma si propone anche di fare in modo che familiari e persone che soffrono per patologie alimentari escano dall’isolamento e affrontino con fiducia il percorso di recupero, sostenendoli in questo “viaggio”. È proprio la solitudine, indotta dal pudore e dal riserbo tipici di queste malattie, che facilita l’aumento del disagio.

La costituzione dell’Associazione è stata un punto di arrivo e di partenza importante, per il Centro DCA dell’Azienda, per le persone direttamente interessate dalle patologie alimentari e per le loro famiglie, un approdo che in Piemonte prima non avevano.

 

Leggi anche...

spot_img