RIVAROLO – E’ giunta alla sua 22esima edizione la “Giornata della Solidarietà” organizzata dall’Anffas e tenutasi domenica 11 settembre presso la Comunità La Torre di Rivarolo.

Il tema al centro dell’incontro era quello della “auto-rappresentazione” delle persone disabili, passo fondamentale da intraprendere nel percorso verso l’autonomia: ed è così che dopo il saluto del vicepresidente della Fondazione Comunità La Torre Giandario Storace la parola è passata ai veri protagonisti dell’appuntamento. Come Matteo, ospite dell’Anffas rivarolese da 3 anni, che ha illustrato ai presenti il progetto “Io cittadino”: “L’obiettivo è quello di creare una piattaforma nazionale per l’auto-rappresentazione, per avere l’opportunità di decidere e fare scelte in prima persona dando più senso alla vita dei disabili, perché desideriamo fornire il nostro personale contributo all’interno della società”.

Francesca Stella, giunta dall’Anffas di Udine, nel marzo scorso ha consegnato a Sergio Mattarella la Dichiarazione di Roma, documento programmatico redatto da persone disabili per la promozione dell’auto-rappresentazione, raccontando al pubblico tutta l’emozione di incontrare il Presidente della Repubblica. Presente anche il sindaco Alberto Rostagno (assieme alla Giunta al completo) che ha ripreso le parole di Carlo Azeglio Ciampi pronunciate in occasione dell’inaugurazione delle Paralimpiadi di Torino del 2006: “Siete un esempio al quale bisogna guardare con ammirazione e gratitudine. Ci trasmettete la gioia di vivere”.

L’assessore regionale Gianna Pentenero nel suo breve intervento ha rassicurato sullo stanziamento di fondi per l’inserimento lavorativo dei soggetti disabili, con grande sollievo e soddisfazione di Carla Boggio, presidente del Ciss 38. Dopo la messa e la grigliata, nel pomeriggio momenti ludici con una dimostrazione didattica sul mondo dei rapaci e i balli occitani eseguiti dall’associazione “Li Barmenk”.

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here