lunedì 17 Maggio 2021
lunedì, Maggio 17, 2021
spot_img

CERESOLE REALE – Il treno di Circomare chiude la prima Edizione di Rifugio d’Artista

CERESOLE REALE – Una platea gremita ed entusiasta ha accolto, nel pomeriggio di domenica 4 settembre al PalaMila di Ceresole Reale, lo spettacolo di Commedia dell’Arte “Il treno che ci piace” della compagnia CircoMare Teatro.

[su_custom_gallery source=”media: 77634″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”120″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

Gli spettatori sono stati coinvolti attivamente nella costruzione di una trama esilarante e intelligente, una riflessione sulle più recenti politiche in merito ai trasporti pubblici aperta a più punti di vista e a diverse prese di posizione da parte del pubblico.

Lo spettacolo ha concluso la settimana di residenza al Rifugio Mila della nota compagnia proveniente da Orte (Viterbo), durante la quale gli artisti si sono esibiti in brevi performance di teatro all’aperto in vari luoghi di Ceresole, guadagnandosi la simpatia e l’affetto della popolazione. “In molti sono venuti a ringraziarci per aver invitato”CircoMare” – confessano gli organizzatori – “e noi non possiamo che esserne felici. Quando s’incontrano artisti di grande livello che si dimostrano anche persone meravigliose, come in questo caso, l’alchimia tra le compagnie e il luogo che abbiamo auspicato con il progetto Rifugio d’Artista si realizza pienamente”.

Con l’appuntamento di domenica si è chiusa anche la prima edizione della rassegna, che ha portato a vivere e a lavorare a Ceresole bravi artisti da tutta Italia. “E’ la mia prima esperienza di vera e propria direzione artistica –  spiega Corrado Trione,direttore artistico della rasssegna- e per aver fatto tutto con risorse limitatissime il risultato supera le mie aspettative più ottimistiche. Il merito non è certo mio: mi sono limitato a fare da tramite tra diverse realtà. Quella dell’Associazione Amici del Gran Paradiso, innanzitutto, che ha creduto nel progetto e l’ha messo in piedi a prezzo di un grande lavoro totalmente volontario, e poi la realtà del teatro “giovane” italiano, dove sono cresciuto e opero, in cui a tanta qualità e a tante idee spesso non corrispondono adeguate iniziative di valorizzazione. E infine Ceresole, luogo meraviglioso, fatto di natura e di persone, che ha accolto tutti con un abbraccio dei più calorosi”.

Indispensabile, per la realizzazione dell’iniziativa, il supporto di Iren,  che ha messo a disposizione l’alloggio per gli artisti, e della compagnia NuoveForme di Torino che ha fornito o il materiale tecnico. All’ Inner Wheel e al Rotary Club di Cuorgné e Canavese si devono invece le due borse-premio da 500 euro, che verranno assegnate prossimamente.

Osserva ancora Trione: “Dobbiamo ringraziare di cuore i pochi amici che hanno creduto alla nostra scommessa fin da subito. Per il resto, l’unico rimpianto è proprio l’isolamento nel quale spesso abbiamo operato quest’anno, per non essere riusciti a far breccia nelle resistenze e nei timori di chi, pubblico o privato, avrebbe potuto e dovuto supportare un’ iniziativa popolare e gratuita come questa”.

Ma il vento sta cambiando: il successo di Rifugio d’Artista ha suscitato il concreto interesse di enti e istituzioni, e gli organizzatori sono già al lavoro per rendere possibile una seconda edizione, accresciuta e ulteriormente migliorata. Insomma: c’è tutto l’occorrente per spiccare il volo.

Per tutti gli approfondimenti: www.obiettivonews.it

 

[su_custom_gallery source=”media: 74507″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”100″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

 

[su_custom_gallery source=”media: 77377″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”100″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

 

[su_custom_gallery source=”media: 83510″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”530″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img