giovedì 4 Marzo 2021

NOTIZIARIO DAL MONDO – ORE 08:30 DEL 30/08/2016

NOTIZIARIO DAL MONDO – ORE 08:30 – Le notizie dal mondo del 30 agosto 2016 – in flash

[su_custom_gallery source=”media: 77634″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”120″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

USA – INTRUSIONI HACKER NEI REGISTRI ELETTORALI USA

Potrebbero esserci hacker russi dietro due recenti intrusioni nei registri elettorali di due stati. Ne sono convinti i servizi di intelligence degli Stati Uniti. Come conseguenza l’Fbi ha lanciato un’allerta rivolta alle autorità locali affinché potenzino la sicurezza informatica per proteggere i dati elettorali in vista delle elezioni del presidente degli Stati Uniti, in novembre. Si sospetta la violazione del registro elettorale dell’Arizona, afferma l’Fbi, che segnala anche un’intrusione nello stesso registro dell’Illinois.

CITTA’ DEL VATICANO – DIVENTA ESECUTIVA LA SENTENZA VATILEAKS 2

È diventata esecutiva la sentenza pronunciata il 7 luglio scorso dal Tribunale vaticano al termine del processo ‘Vatileaks 2’ per la fuga delle carte segrete della Santa Sede. Trascorsi i 45 giorni previsti perché la condanna passasse in giudicato, l’imputato spagnolo monsignor Lucio Vallejo Balda, condannato nel processo a 18 mesi di reclusione, è stato quindi arrestato, ed è ora detenuto in Vaticano nella cella della Gendarmeria. Il Tribunale aveva condannato, rispettivamente a 18 e dieci mesi di reclusione, i due presunti “corvi”, mons. Vallejo Balda e Francesca Immacolata Chaouqui, entrambi ex componenti della Commissione Cosea sulle finanze vaticane. Per la Chaouqui la pena è stata sospesa per cinque anni. Assolto con formula piena, invece, il loro ex collaboratore Nicola Maio. Prosciolti infine per “difetto di giurisdizione” del Tribunale d’Oltretevere i due giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, autori dei bestseller ‘Via Crucis’ e ‘Avarizia’.

TERREMOTO – OGGI I FUNERALI AD AMATRICE

Si terranno oggi alle 18 ad Amatrice i funerali delle vittime del terremoto che ha devastato la cittadina e il centro Italia il 24 agosto. In un primo tempo si era ipotizzato che si tenessero funerali di Stato a Rieti e non ad Amatrice. Una ipotesi che aveva fatto esplodere la protesta tra gli sfollati. “Noi a Rieti non ci veniamo, ridateci i nostri morti”, avevano detto gli sfollati. Dopo un colloquio telefonico con il premier il sindaco Sergio Pirozzi ha fatto sapere che non ci sarà la cerimonia a Rieti ma i funerali saranno ad Amatrice. Giusto tenerli lì ha twittato poco dopo Renzi.

NORVEGIA – OLTRE 300 RENNE UCCISE DAI FULMINI

Oltre 300 renne sono state uccise nel centro della Norvegia da un fulmine: in una serie di incredibili immagini diffuse dalla Agenzia norvegese per l’ambiente, si possono vedere una gran quantità di carcasse disseminate su una piccola superficie sull’altopiano Hardangervidda, terreno di passaggio di migliaia di renne nelle migrazioni alla fine della bella stagione. Secondo la stessa fonte, sono 323 gli animali rimasti uccisi nella tempesta di fulmini, che si è verificata venerdì.

SICILIA – SOCCORSI OLTRE SEI MILA MIGRANTI

Sono stati 6.500 i migranti soccorsi lunedì nel Canale di Sicilia in 40 operazioni coordinate dalla Guardia Costiera. Si tratta di uno dei numeri più alti di persone recuperate in un solo giorno. Negli ultimi quattro giorni sono state circa diecimila le persone prese a bordo delle navi che presidiano il tratto di mare tra la Libia e l’Italia.

TECNOLOGIA – WHATSAPP CONDIVIDE I DATI SU FB: COME IMPEDIRLO

Da un paio di giorni, WhatsApp chiede ai propri utenti di accettare i nuovi termini di servizio. “Bene, se ancora non avete accettato, il consiglio che possiamo darvi è: non fatelo”, scrive sulla pagina Facebook ‘Una vita da social’ la polizia di Stato che sottolinea: “O almeno, se non sapete che cosa comporterà il dire sì alla nuova policy, fermatevi e leggete le nuove regole”. “Da adesso infatti Facebook può ‘spiare’ su WhatsApp: numeri di telefono, contatti e altri dati che passeranno automaticamente anche al social network di Zuckerberg, proprietario tra le altre cose, anche della popolare piattaforma di instant messagging – avverte la polizia – Per evitare questo esistono due vie: la prima è semplicissima, quando arriva l’avviso, invece di accettare i termini basta digitare su ‘Leggi’. In questo modo si aprirà la finestra con il nuovo ‘contratto’ in cui poter scegliere di rifiutare le nuove condizioni sulla privacy”. “Se invece, come spesso capita, si è già chiuso il pop up senza nemmeno leggere cosa stava chiedendo immaginando si trattasse solo di un aggiornamento, non bisogna temere, esiste una soluzione – si legge – Per bloccare il consenso all’utilizzo dei dati da parte di Facebook si hanno 30 giorni di tempo. Ma come si fa? Semplice. Cliccando su ‘Impostazioni’, poi su ‘Account’ e infine sulla spunta accanto alla voce ‘Condividi Info Account’. In questo modo – almeno per ora – si è al riparo dalle pubblicità troppo ‘calzanti’ su Facebook”. Concretamente cosa cambia? “Se si accettano le nuove condizioni, il social network da 1,7 miliardi di utenti potrà attingere (anche) ai dati del telefonino per inviare all’utente messaggi pubblicitari sempre più mirati mentre si naviga sulla sua piattaforma o per consigliare potenziali amici da aggiungere alla propria cerchia – spiega la polizia – Potrà capitare di vedere fra i suggerimenti di Facebook il nome e il volto di una persona con cui si è appena entrati in contatto su WhatsApp. O di imbattersi sul social network nella pubblicità di un’azienda che conosce il numero di telefono di un utente”.

Per tutti gli approfondimenti: www.obiettivonews.it

 

[su_custom_gallery source=”media: 74507″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”100″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

 

[su_custom_gallery source=”media: 77377″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”100″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

Leggi anche...