venerdì 7 Maggio 2021

NOTIZIARIO DAL MONDO – ORE 08:30 DEL 30/07/2016

NOTIZIARIO DAL MONDO – ORE 08:30 – Le notizie dal mondo del 30 luglio 2016 – in flash

[su_custom_gallery source=”media: 77634″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”120″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

SIRIA – RAID SU OSPEDALE PSICHIATRICO

Bombardato l’ospedale pediatrico di Idlib, in Siria, gestito da Save the Children. Si parla di vittime tra i pazienti e il personale sanitario. L’ordigno ha colpito l’ingresso dell’ospedale, il più grande della zona, che assiste una media di 1.350 donne e 400 parti al mese. Save the Children è indignata di fronte all’attacco aereo.Il bombardamento ha avuto luogo intorno alle ore 13 (ora italiana) e ha colpito la parte anteriore della struttura ospedaliera. Due persone sono state uccise dall’attacco. Diversi bambini sono stati feriti quando le incubatrici sono crollate in terra e una donna incinta di sei mesi ha perso una gamba. Altre due donne hanno ferite allo stomaco causate dalle schegge e molti pazienti e persone dello staff hanno subito lesioni più lievi. Il vice direttore dell’ospedale ci ha riferito che verso le 18 (ora italiana) aerei da combattimento stavano ancora sorvolando la struttura ospedaliera. Al momento del bombardamento erano in corso due interventi chirurgici e una donna era in travaglio. Attualmente l’ospedale ha smesso di funzionare ad eccezione del pronto soccorso e il generatore è stato danneggiato durante l’attacco. Questo ospedale – che Save the Children sostiene da due anni – è l’unica struttura di maternità del suo genere nella zona e serve più di 1.000 tra donne e bambini in un mese e fa nascere centinaia di bambini “ In questo momento, i nostri pensieri sono rivolti a tutti il nostro coraggioso staff operatori siriani che lavorano nell’ospedale e a tutte le famigle colpite. Bombardare un ospedale con un reparto maternità, dove si stanno aiutando tante donne che vivono all’ombra della guerra a dare alla luce in sicurezza i loro piccoli è un atto vergognoso, sia che sia stato compiuto intenzionalmente, sia che sia accaduto perché non è stata prestata la dovuta attenzione a non colpire aree civili”, ha dichiarato Sonia Khush, Direttore di Save the Children in Siria.

NICARAGUA – CONFERMATA LA DESTITUZIONE DI 28 DEPUTATI

Confermato dalla giunta direttiva del parlamento nicaraguense il provvedimento del Consiglio supremo elettorale (Cse) che ordina la destituzione di 28 deputati antisandinisti. L’opposizione ha subito denunciato che a seguito di tale decisione il controllo dell’assemblea rimane di fatto interamente nelle mani del sandinismo guidato dal presidente Daniel Ortega.
Secondo le leggi del Nicaragua, il parlamento è l’unico potere dello Stato autorizzato alla destituzione dei deputati.

TURCHIA – ERDOGAN RITIRA DENUNCE PER INSULTI

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che ritirerà tutte le denunce contro le persone accusate di averlo “insultato”. Erdogan lo ha annunciato durante una commemorazione delle vittime del fallito golpe del 15 luglio. Sono centinaia le persone contro le quali erano stati avviati procedimenti giudiziari per insulti alla presidenza, compresi molti media e social network.

ITALIA – LA COMUNICATA’ RELIGIOSA ISLAMICA A MESSA

La Coreis (Comunità Religiosa Islamica) Italiana “sostiene e condivide pienamente la presa di posizione espressa nel comunicato dell’Ihei, organo che partecipa attivamente alle concertazioni con il ministero dell’Interno della Repubblica Francese, e darà seguito anche in Italia a questa iniziativa di testimonianza di fratellanza spirituale: domenica 31 luglio, annuncia una nota, prima della Santa Messa, delegati della Coreis porteranno il saluto in chiesa al vescovo e al parroco nelle seguenti città: Roma, Milano, Novara, Genova, Verona, Sondrio, Ventimiglia, Brescia, Vicenza, Fermo, Siena, Piacenza, Brindisi, Palermo e Agrigento.

ECONOMIA – STRESS TEST ALLE BANCHE

Valutare la resistenza delle banche europee in caso di arrivo di una forte recessione e turbolenze, fornendo al mercato e agli investitori una vasta serie di dati, omogenei per ogni Paese. Questo l’obiettivo degli stress test dell’Eba su 51 istituti di tutto il Continente che, a differenza della scorsa volta, non faranno scattare l’obbligo automatico di ricapitalizzazione nel caso di mancato raggiungimento di alcune soglie patrimoniali. Fonti del Tesoro affermano che gli stress test dimostrano la solidità del sistema bancario italiano nel suo insieme. Le uniche banche che è risultata particolarmente esposta agli effetti di ipotetici scenari avversi (Mps e Unicredit) ha nel frattempo annunciato un’operazione di radicale pulizia dei crediti in sofferenza e di rafforzamento patrimoniale.

Per tutti gli approfondimenti: www.obiettivonews.it

 

[su_custom_gallery source=”media: 74507″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”100″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

 

[su_custom_gallery source=”media: 77377″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”100″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img