spot_img
sabato 18 Settembre 2021
sabato, Settembre 18, 2021

CUORGNÈ – Santho Iorio esterna i propri pensieri sull’Asilo “Gli Sbirulini”

CUORGNÈ – Santho Iorio, candidato alle recenti elezioni nella lista Cuorgnè in Movimento, in disaccordo sull’eventuale esternalizzazione del servizio di asilo nido “Gli Sbirulini”, ha inviato un comunicato ai media, che qui pubblichiamo integralmente:

[su_custom_gallery source=”media: 77634″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”120″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

“Apprendo con stupore dai giornali locali che, a circa due anni di distanza dal dietrofront e dalle rassicurazioni fornite dall’amministrazione Pezzetto circa il futuro dell’asilo nido comunale “Gli Sbirulini”, il neo assessore all’istruzione, alla sua prima uscita pubblica, ripropone il tema impopolare dell’esternalizzazione del servizio, addirittura non scartando l’ipotesi di una chiusura dell’asilo. Ancor più sorprendente è la motivazione fornita, cioè il costo del servizio eccessivamente oneroso per le casse comunali.”

“Eppure in campagna elettorale si era detto ai quattro venti che grazie ai sacrifici fatti in questi ultimi 5 anni il bilancio comunale era nuovamente in sicurezza e che quindi finalmente si sarebbero potuti vedere anche degli investimenti oltre ai tagli conditi con qualche festa e qualche scelta impopolare, specie in tema di arredo urbano (vedi l’annosa questione dei dossi e la parziale sistemazione di piazza Boetto)? Per un comune come quello di Cuorgnè, che ambisce a ricoprire un ruolo centrale ed essere polo di attrazione nell’Alto canavese ( mentre negli ultimi anni è continuato il calo della popolazione residente) , che senso ha togliere un servizio così importante e qualificato per le giovani famiglie ? Per tutti questi motivi ritengo che sarebbe molto importante una netta smentita del sindaco in merito alle incaute parole pronunciate dal suo assessore, onde evitare il diffondersi di timori ingiustificati tra la popolazione. Se invece non dovesse arrivare alcuna smentita dal sindaco, ci sarebbe da preoccuparsi e da mobilitarsi per il mantenimento del servizio asilo nido, ricordando che in campagna elettorale e nel programma amministrativo di Cuorgnè in Movimento per la consiliatura 2016-2021 non era in alcun modo contemplata né l’esternalizzazione del servizio, né tanto meno la sua chiusura per fare cassa. Mi domando a questo punto dov’è sono finiti i buoni propositi della “Cuorgnè + strategica”, della quale ho fatto parte e che ha contribuito a scrivere il programma amministrativo, nella quale addirittura si proponeva di trasferire le scuole medie presso l’ex istituto salesiano creando così un vero e proprio polo scolastico? Soltanto il 4 maggio 2015 l’amministrazione aveva garantito un percorso per l’ampliamento dell’offerta degli Sbirulini con una diversa modalità gestionale: visto che l’ampliamento del servizio non c’è stato, dobbiamo dedurre che l’unica ipotesi rimasta veramente in campo è quella della chiusura? E’ questa la nuova modalità gestionale a cui alludeva l’amministrazione nel 2015?”

Per tutti gli approfondimenti: www.obiettivonews.it
[su_custom_gallery source=”media: 74507″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”100″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

 

[su_custom_gallery source=”media: 77377″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”100″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img