CASTELLAMONTE – Traguardo degno di nota per il Ristorante Tre Re di Castellamonte, che quest’anno compie cento anni.

Un secolo di attività per una realtà che rappresenta da sempre un’icona non soltanto per Castellamonte, ma per l’intero Canavese.

Acquistato da Teresa Vallotti Demarchi quando dovette lasciare la cantina situata nella piazza vicino alla Chiesa, abbattuta per realizzare la nuova viabilità, era all’epoca un albergo fatiscente. La famiglia Demarchi lo rimise a nuovo e lo fece arrivare a livelli impensabili. Il figlio di Teresa Vallotti, Ferruccio, successe alla madre e lo gestì insieme alla moglie Laura. Successivamente toccò ai tre figli: Carlo, Vincenzo e Luciano. Vincenzo, che allora era chef, morì a soli trent’anni in un incidente. Proseguirono l’attività i fratelli Carlo e Luciano.

La gente arrivava in bicicletta da Torino per mangiare ai Tre Re. Diverse le personalità politiche e dello spettacolo che vi si recavano. Conosciuto ovunque, questo ristorante divenne un polo TreRe2di attrazione e, con lo scorrere del tempo, un punto fermo del territorio.

Dal 2013, a gestirlo, sono Roberto Marchello e sua moglie Federica Bertoglio Gris. Roberto Marchello, prima di prendere in gestione il ristorante, lavorò per anni alle dipendenze dei Demarchi, e fu ben felice di proseguire la tradizione culinaria..

«Abbiamo un rapporto bellissimo con la famiglia Demarchi – sottolineano i nuovi gestori – un rapporto molto stretto. E il nostro desiderio di celebrare i cent’anni dell’attività è stato appoggiato dai Demarchi con grande entusiasmo.»

Per festeggiare sono state programmate alcune serate, una già tenutasi lo scorso 6 maggio, e in “replica”, visto il gran successo, il 15 maggio. La Festa per il compleanno è previsto invece, su invito, il prossimo 24 giugno, quando i gestori dei tre Re offriranno la serata ai dipendenti del passato e del presente e di tutti coloro che hanno transitato ai Tre Re. Gran finale sarà il 21 ottobre con una serata proiettata verso il futuro.

GUARDA LE FOTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here