venerdì 7 Maggio 2021

CANAVESE – SCOPERTA FRODE MILIONARIA IN APPALTI EDILI E STRADALI

CANAVESE – La Guardia di Finanza di Torino, a conclusione di una complessa attività di polizia tributaria, ha scoperto un frode milionaria perpetrata da un consorzio di imprese del canavese che opera settore degli appalti di lavori ed opere edili e stradali.

Secondo quanto emerso dalle indagini, condotte dalla Compagnia di Ivrea, il consorzio d’imprese, con molteplici sedi in tutto il canavese e con diversi cantieri in Puglia, Toscana, Liguria, Piemonte e Lombardia, avvalendosi di un sistema basato sull’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, ha presentato le dichiarazioni fiscali solamente per l’anno 2012, omettendo di presentarle per le successive annualità.

I Finanzieri, nel corso dell’attività, hanno accertato un vorticoso flusso di fatture per operazioni inesistenti che, da un lato consentivano al consorzio di abbattere la base imponibile delle imposte a proprio carico e, dall’altro, venivano “girate”, almeno in parte, alle imprese partecipanti al consorzio stesso. Sfruttando tale sistema il consorzio non ha dichiarato elementi positivi di reddito per oltre 700.000 euro e I.V.A pari a circa 470.000 euro, indicando, invece, costi indeducibili per circa 2 milioni di euro.

A conclusione delle indagini, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Ivrea i 3 rappresentanti legali delle imprese di Ivrea, Torino e Brindisi, che dovranno ora rispondere dei reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione fraudolenta e omessa dichiarazione, illeciti che prevedono la reclusione da un anno e sei mesi fino ai 6 anni.

Nei loro confronti sono state anche avanzate proposte finalizzate al sequestro dei beni allo scopo di restituire alla collettività le risorse illecitamente sottratte.

È bene sempre ricordare che le frodi fiscali, oltre che sottrarre risorse importantissime per lo sviluppo del Paese, alterano le regole del mercato e danneggiano i cittadini e gli imprenditori onesti.

Contrastare l’evasione, dunque, vuol dire garantire un fisco più equo e proporzionale all’effettiva capacità di ognuno.

Per tutti gli approfondimenti: www.obiettivonews.it

[su_custom_gallery source=”media: 74507″ limit=”100″ link=”custom” width=”730″ height=”100″ title=”never”]GUARDA LE FOTO[/su_custom_gallery]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img