lunedì 17 Maggio 2021
lunedì, Maggio 17, 2021
spot_img

CUORGNÈ – Corso Cat (Geometri): la professione del futuro (VIDEO E FOTO)

CUORGNÈ – Il corso CAT (Costruzioni, Ambiente e Territorio) non è altro che quello che una volta veniva chiamato “Geometri”.

Un indirizzo che offre, insieme a pochi altri, la possibilità di diventare liberi professionisti senza dover frequentare a forza, terminati i cinque anni, l’Università. È infatti sufficiente frequentare 18 mesi di praticandato oppure un corso di 300 ore (Corso di Formazione Professionale per Praticanti), per poter essere abilitati ad affrontare l’esame di Stato.

Una professionalità in mano. Ambita e richiesta da aziende. Come afferma il Presidente della Fondazione Geometri Italiani Maurizio Savoncelli: «L’edilizia ha bisogno di una deep renovation per affrontare gli impegni europei e globali di sostenibilità del costruito e i diplomati CAT saranno i tecnici più idonei per rispondere alle sfide ambientali di città e di un territorio, rispetto alle quali siamo indietro di 30 anni. La rivoluzione digitale dei processi produttivi e una corretta connessione scuola lavoro, inoltre, garantiranno ai diplomati CAT il miglior percorso per essere artefici di questa prima, grande rivoluzione industriale in edilizia.»

L’indirizzo CAT è presente all’Istituto 25 Aprile di Cuorgnè. Ed è proprio lì che ieri si è svolta la

cerimonia di premiazione del giovane Davin Focilla, studente della 1G CAT. Focilla ha presentato, nell’ambito del conocrso nazionale “La mia città di domani”, un video dal titolo “Sanbersport”, sulla trasformazione di un vecchio mulino abbandonato, sito a San Benigno Canavese, in una palestra per giovani e anziani, con produzione di energia attraverso pannelli fotovoltaici e solari e una micro centrale elettrica.

Il concorso è stato promosso da “Georientiamoci. Professione Geometra 2.0” (www.georientiamoci.cng.it), progetto didattico della Fondazione Geometri Italiani, rivolto agli studenti delle scuole secondarie di 1 grado e ai neo-iscritti al primo anno di un corso di studio IT CAT, con la finalità di far conoscere ai ragazzi l’offerta formativa e le prospettive professionali future della figura del geometra. I candidati dovevano immaginare di essere geomteri e presentare un elaborato per esporre la propria idea, con lo scopo di migliorare l’urbanistica della loro città. Gli elaborati finalisti sono stati 130 sui 569 pervenuti in totale. La Commissione esaminatrice, composta da rappresentanti della Fondazione Geometri Italiani, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e da esperti di comunicazione, ha decretato per la Regione Piemonte tre vincitori, di cui uno è Davin Focilla.

Il giovane ha vinto una borsa di studio offerta dalla Fondazione Geometri Italiani del valore di 250euro, ed è stato premiato dal Vice Presidente del Collegio Provinciale dei Geometri di Torino Gian Luca Pautasso. Presenti anche altri membri del Collegio, settore formazione: Paolo Cuselli (tesoriere), Rodolfo Meaglia, Gabriella Bay, Luisa Roccia, Claudio Lucato (consiglieri).Il Collegio ha offerto al vincitore un premio pari al 50% del costo del Corso di Formazione Professionale per Praticanti organizzato dal Collegio stesso.

Durante la cerimonia è emerso un dato significativo: sono ben cinque gli Istituti CAT regionali che quest’anno hanno visto un incremento tale di iscrizioni da formare 5 nuove prime classi rispetto allo scorso anno.

Il Presidente del Collegio Provinciale dei Geometri di Torino, Ilario Tesio, che non ha potuto essere presente alla cerimonia, ha comunque voluto sottolineare in un comunicato, l’importanza di quest’indirizzo di studio: «Molti giovani vanno aiutati a conoscere un percorso di professionalizzazione che rischiano di sottovalutare; con il progetto di orientamento Georientiamoci puntiamo a colmare il gap informativo che ruota intorno alle caratteristiche di questo corso di studi e alle sue concrete opportunità di inserimento nel mondo del lavoro.»

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img