spot_img
lunedì 20 Settembre 2021
lunedì, Settembre 20, 2021

MASINO – Organalia 2016 “Nel bel verde canavese”: Nell’ambito della “Tre giorni per il giardino”

MASINO – Ieri pomeriggio al Castello di Masino, in occasione della prima giornata della “Tre Giorni per il Giardino”, organizzata dal FAI e dall’Accademia Piemontese del Giardino, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’itinerario “Nel bel verde Canavese” della rassegna musicale Organalia che, a partire da venerdì 6 maggio proporrà nove concerti.

“Il Canavese è un teatro naturale perfetto per una rassegna prestigiosa come Organalia. – ha sottolineato nel suo intervento il Vicesindaco metropolitano e Sindaco di Cossano Canavese, Alberto Avetta – Ormai da quindici anni i concerti di Organalia valorizzano beni culturali importanti, come le nostre chiese ed i loro organi, che sono un patrimonio dell’intero territorio. La Città Metropolitana sostiene Organalia ed intende valorizzare le peculiarità naturali e culturali, partendo proprio dalle eccellenze del territorio, come il Castello di Masino ed i tanti pregevoli edifici di culto del Canavese; tanto più oggi che, con la candidatura dei siti olivettiani al Patrimonio dell’Umanità UNESCO, i canavesani hanno preso coscienza del valore culturale e del potenziale turistico della terra in cui vivono e lavorano”.

“Dobbiamo valorizzare le eccellenze del Canavese e metterle in rete con quelle della Città di Torino, che è ormai diventata una delle più interessanti destinazioni turistiche italiane. – ha proseguito Avetta – Mettere a fattor comune le eccellenze, far dialogare fra loro le realtà culturali più dinamiche dell’intera Città Metropolitana può far crescere sia il capoluogo che i territori che gli fanno da corona, intercettando flussi turistici già oggi molto consistenti”. Francesco Reale, Property manager del Castello di Masino per conto del FAI, ha sottolineato a sua volta che “il Canavese deve imparare a valorizzare i propri tesori culturali e a fare marketing territoriale, costruendo una rete di soggetti interessati a promuovere l’animazione culturale e turistica”.

Come ha spiegato nel corso della conferenza stampa odierna il Direttore artistico di Organalia, Edgardo Pocorobba, l’itinerario “Nel bel verde Canavese” si sviluppa nella parte orientale del territorio canavesano, che comprende il Lago di Viverone e l’Anfìteatro Morenico di Ivrea, sconfinando nel Vercellese. Il percorso coniuga la pianura con la collina, le zone umide con la montagna, comprendendo località a cavallo tra la Città Metropolitana di Torino e le Province di Vercelli e di Biella. Il primo concerto è in programma in una chiesa parrocchiale particolarmente cara agli Eporediesi, quella dedicata a San Lorenzo Martire, che sorge sull’asse stradale che collega Ivrea con il Canavese orientale. L’organista siciliano Diego Cannizzaro, interprete sensibile e raffinato del repertorio del XIX e XX secolo, terrà un concerto dedicato al compositore canavesano Pietro Alessandro Yon, nativo di Settimo Vittone ma successivamente naturalizzato statunitense. Si potranno ascoltare anche altri autori, tra cui l’eporediese Angelo Burbatti, il torinese Federico Caudana, il francese Alkexandre Guilmant e il romano Filippo Capocci. In occasione del concerto ad Ivrea sarà presentato il primo dei CD dedicati all’opera omnia per organo di Pietro Alessandro Yon, registrato sull’organo della cattedrale di Messina.

Il secondo appuntamento sarà il 13 maggio a Cossano Canavese, ultima propaggine collinare del Città Metropolitana di Torino verso il Vercellese, che sarà invece toccato con il concerto del 20 maggio ad Alice Castello. Gli altri concerti sono in programma a Viverone, a Quassolo, a Borgofranco d’Ivrea, ad Andrate ed infine nuovamente ad Ivrea nella Cattedrale.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img