spot_img
lunedì 20 Settembre 2021
lunedì, Settembre 20, 2021

CASTELLAMONTE – Tre giorni di Musica con Lorenzo Pusceddu

CASTELLAMONTE – Tre giorni di musica non stop a Castellamonte con un susseguirsi di eventi con un protagonista e un filo conduttore: il primo un personaggio noto a chiunque faccia parte di una banda musicale italiana o straniera… il compositore e direttore Maestro Lorenzo Pusceddu, il secondo il corso di direzione che nell’arco dei tre giorni ha toccato tutte le situazioni che un bravo direttore deve saper affrontare.

Si è partiti venerdì pomeriggio con l’incontro dei nove allievi (Agnese Mussatti – Emanuele Fontan – Filippo Arri – Gabriele Bastrentaz – Giuseppe Cortese – Ivano Depetro – Matteo Bosonetto – Matteo Yon – Simone Bosonin) con il Maestro Pusceddu, dopo la cena in sede il corso è proseguito con la corretta gestione di una prova settimanale grazie all’intervento della Filarmonica di Castellamonte il cui direttore Dino Domatti è stato costantemente coadiuvato dal Maestro Pusceddu che ha fornito preziosi suggerimenti sul come ottimizzare la gestione della prova stessa. Per tutti i musici e i corsisti la serata si è conclusa con una spaghettata e ancora musica fino a tarda notte.
Sabato mattina gli allievi hanno approfondito con il maestro Pusceddu lo studio teorico delle partiture per poi passare alle prove pratiche pomeridiane alla presenza dell’Orchestra a fiati giovanile In Crescendo. Nel frattempo al mattino si è svolta alla Casa della Musica la riunione del Consiglio Direttivo dell’Arbaga Piemontese per poi proseguire nel pomeriggio con l’annuale Assemblea dei dirigenti delle Unità Federate nel corso della quale, oltre alle tematiche più urgenti, la direttrice didattica della Scuola di Musica di Castellamonte Chiara Pollino ha relazionato sulla corretta gestione di una Scuola di Musica mentre il vice presidente regionale Arbaga Giacomo Spiller ha spiegato nel dettaglio il nuovo istituto del 2 x mille alla cultura (al quale la Filarmonica di Castellamonte ha aderito in aggiunta al già abituale 5 x mille), la corretta gestione del sito internet, di Facebook e di WathsApp per concludere con un interessante approfondimento sul corretto inquadramento dei collaboratori di un’associazione bandistica. Non è mancato l’intervento del Maestro Pusceddu che ha sottolineato l’importanza dei corsi di formazione per i maestri, raccogliendo il pieno consenso da parte del presidente regionale Arbaga Italo Iuorio. Dopo il pranzo gustato presso la Trattoria Canavesana di Sant’Antonio e l’apericena alla Casa della Musica, l’Orchestra In Crescendo si è esibita all’interno della Chiesa Parrocchiale di fronte ad un pubblico entusiasta. Ogni brano è stato diretto da un allievo diverso del corso per chiudere con le direzioni dei due maestri effettivi della formazione Fabio Portè e Dino Domatti e con il bis diretto dal Maestro Lorenzo Pusceddu il quale ha presentato tutti i brani della serata, quasi tutti scritti di suo pugno, illustrando, come nessun altro meglio di lui avrebbe potuto fare, le circostanze che avevano ispirato la loro composizione. I direttori e i musici sono quindi tornati alla Casa della Musica per lo spuntino della mezzanotte e per riprendere a suonare in allegria fin quasi all’alba.

Domenica la Casa della Musica è stata presa letteralmente d’assalto da sei bande musicali, tre al mattino e altrettante al pomeriggio. Ognuna ha avuto a disposizione una stanza in cui riporre le custodie per gli strumenti, poi mezz’ora ciascuna per intonarsi e poi la discesa nella sala dei concerti dove erano pronti ad ascoltarle i membri della commissione, i maestri Lorenzo Pusceddu, Davide Enrietti e Fabio Portè, oltre ai nove allievi del corso, che hanno così avuto la possibilità di cimentarsi nell’ascolto e nella valutazione delle esecuzioni. Nell’ordine si sono esibite le bande musicali di Settimo Vittone, Tavagnasco, Quincinetto, Cuorgnè, Valperga e None rispettivamente dirette dai maestri Dino Domatti, Federico Sardino, Simone Bosonin, Mario Bertot, Alessandro Data e Davide Carità. Oltre ai brani liberi sono state eseguite sei composizioni del Maestro Pusceddu, una da ognuna delle bande partecipanti. Al termine delle esecuzioni, mentre i maestri discutevano sulle impressioni suscitate dall’ascolto ogni banda ha posato per una foto ricordo e ogni musico ha apposto la sua firma sul libro d’oro della filarmonica, dipinto per l’occasione da Carlotta Martino. La commissione ha quindi incontrato i singoli direttori delle sei bande per illustrare il proprio giudizio e fornire utili consigli per la prosecuzione del percorso formativo. Il pomeriggio si è concluso con l’inaugurazione della nuova sala di registrazione della Casa della Musica e per oltre due ore il gruppo rock prescelto ha potuto suonare liberamente raccogliendo il plauso di tantissimi curiosi che via via si sono affacciati per vedere la novità. Per i pasti della giornata i musici e i maestri hanno allegramente invaso la Trattoria Canavesana, l’Oriente e il Valentino, mentre il maestro Pusceddu, arrivato dalla Sardegna, via Malpensa, ha alloggiato in una camera presso l’albergo Tre Re.

I numeri della tre giorni sono di tutto rispetto… 386 presenze solo tra allievi del corso, maestri e musici … 253 pasti consumati … oltre 2.000 spartiti utilizzati… (tra il pubblico è spiccata anche la presenza di Roberto Villata, il direttore della Scomegna, una della maggiori case editrici di spartiti musicali) … sono numeri che solo in parte fanno immaginare l’enorme soddisfazione di chi ha organizzato questo evento, di quegli oltre venti affiatati ragazzi della Filarmonica di Castellamonte che per mesi hanno pianificato ogni dettaglio e che per tre giorni hanno gestito il tutto sempre in armonia e con il sorriso sulle labbra.

E come se questo non bastasse, lunedì sono arrivate le parole del Maestro Pusceddu a coronare l’indiscusso successo della manifestazione: “Negli anni ho avuto il privilegio di vivere tante esperienze di lavoro nell’ambiente delle bande, ma raramente ho avuto modo di apprezzare un livello di organizzazione come quello riscontrato nel fine settimana appena trascorso a Castellamonte (TO). 3 giornate incalzanti di attività nelle quali mi sono divertito ed ho avuto a che fare con persone serie, ma nel contempo sorridenti, disponibili e gioiose. Grazie alla Banda di Castellamonte, all’Orchestra Giovanile di fiati “In Crescendo”, a tutti i corsisti che hanno partecipato alle giornate di studio ed al concerto finale, alle 6 bande che si sono esibite nella giornata di classificazione ed ai loro direttori. Un ringraziamento ai Maestri Dino Domatti, Fabio Portè e Davide Enrietti con i quali ho collaborato con grande piacere. Un ringraziamento particolare, pieno di stima ed ammirazione a Giacomo Spiller, vero motore di tutta la splendida macchina organizzativa. Complimenti!! davvero BRAVI !!

– reportage fotografico a cura di Fabio Pistono –

 

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img