BORGARO – Nel corso della serata di gala dedicata al jazz, andata in scena domenica scorsa nella sede di Cascina Nuova, si è verificato un curioso fuori programma.romanelli (Rid)

Una lettera che il sindaco, Claudio Gambino, ha voluto consegnare a Franco Romanelli, direttore del centro, come ringraziamento per il suo impegno a favore dei ragazzi e della collettività. «Caro Franco, ho deciso di scrivere queste poche righe per mettere nero su bianco la mia gratitudine e il ringraziamento di tutta la città che ho l’onore di rappresentare oggi, per ciò che fai.

Per ciò che sei. Sì, ti scrivo una lettera. Non accade spesso che un sindaco scriva su carta un pensiero a qualcuno ma tu, Franco, sei un’eccezione. Anzi, sei l’eccezione. È già una fortuna avere nella nostra città una scuola di musica di così alto livello, e noi possiamo fregiarcene e possiamo fregiarci di avere, soprattutto, un direttore come te: una dedizione smisurata, un’esperienza accumulata in giro per il mondo a servizio dei nostri ragazzi… e quanta passione.

Quella passione che ti inchioda a scuola quando già a tuoi allievi dormono. Quante volte ho visto la tua Celica nera parcheggiata e la luce della scuola accesa nelle ore notturne più impensabili. Eh sì Franco, sono e siamo orgogliosi di te, di tutti quei piccoli semi che pianti nella speranza di far germogliare una cultura consapevole dell’importanza della musica, una cultura consapevole dell’importanza dell’appassionarsi a ciò che può aiutarci ad esprimerci.

Come dici sempre tu, citando Heinrich Heine: “Dove finiscono le parole inizia la musica”. E allora Franco, terminate le parole, mi siedo ad ascoltare la tua musica. Quella musica che sa parlare un linguaggio universale, che con te ha saputo creare tanti piccoli musicisti, e i ragazzi che coltivano delle passioni sono una ricchezza di tutti. Di questo come sindaco, e soprattutto come padre, te ne sono infinitamente grato».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here