CUORGNÈ – La neve che cadeva incessante, non ha fermato i cuorgnatesi che hanno presenziato in massa, questa mattina, alla cerimonia di intitolazione della via dedicata a don Franco Peradotto.

Sul palco, prima dello scoprimento della targa, si sono alternati, a ricordare Don Franco, oltre Cuorgne strada Don Peradotto (5)al Sindaco Beppe Pezzetto, Guido Novaria, giornalista; il Parroco, Don Ilario; Egidio Costanza (detto Gigio), della Mastropietro e Laura Peradotto, nipote di Don Franco.

Tutti hanno lo hanno ricordato non soltanto nella veste di sacerdote, ma di giornalista e Direttore de La Voce del Popolo, nonché persona amorevole con i famigliari.

Il primo cittadino ha letto il ricordo da parte degli assenti: del Presidente della Regione Sergio Chiamparino, del Giornalista Beppe Gandolfo e dell’attuale direttore de La Voce del Popolo, Luca Rolandi.

Guido Novaria ha raccontato due aneddoti, ricordando quando don Franco gli disse di raccontare anche le cose belle di Cuorgnè e non soltanto quelle brutte. Egidio Costanza ha ringraziato pubblicamente don Franco, per averlo aiutato a superare un triste momento per la Comunità Mastropietro, avvenuto trent’anni fa. Don Ilario ha rimarcato la figura diocesana di don Franco, e infine la nipote, Laura Perdotto, la quale ha parlato anche a nome dei suoi quattro fratelli, rivolgendosi simbolicamente a lui, in qualità di zio, e non di sacerdote o giornalista.

Una bella cerimonia a ricordo di don Franco Peradotto, definito un “ponte tra la Chiesa e la Società civile”.

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here