CHIVASSO / CUORGNÈ – Questa mattina, martedì 16 febbraio, presso la sede legale dell’ASL TO4 a Chivasso, si è svolta una conferenza stampa con un obiettivo duplice.

È stato presentato, infatti, un progetto sperimentale di telemedicina che sarà realizzato, chivasso-cuorgne-aslpresumibilmente a partire dal prossimo mese di marzo, nell’ambito del Servizio di Cure Domiciliari del Distretto di Cuorgnè, grazie al contributo dell’Inner Wheel Club Cuorgnè e Canavese. E si sono anche ricordate le tante donazioni rivolte all’Azienda, in questi ultimi anni, da parte dei diversi Club Inner Wheel, Lions e Leo, Rotary e Rotaract presenti sul territorio dell’ASL TO4.

Il progetto di telemedicina consiste nel dotare i diciotto infermieri del Servizio di Cure Domiciliari del Distretto di Cuorgnè di tablet con Sim card per la trasmissione di dati. Il contributo di circa 3.500 euro dell’Inner Wheel Cuorgnè e Canavese servirà a coprire il costo, per un anno di sperimentazione, del canone per il noleggio e la manutenzione dei tablet e del canone per le Sim card.

“Un grazie di cuore – ha dichiarato il Direttore Generale dell’ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone – va da parte nostra all’Inner Wheel Cuorgnè e Canavese, per aver ancora una volta dimostrato attenzione e solidarietà nei nostri confronti. Il loro contributo ci permetterà di migliorare gli interventi domiciliari, che sono rivolti alla fascia fragile della popolazione, in un territorio, quale quello del Distretto di Cuorgnè, che ha l’estensione più ampia tra i Distretti dell’Azienda e che presenta caratteristiche di complessità rispetto alle comunicazioni e alle distanze delle persone dai servizi. Ed è ormai noto che evitare di spostare la persona fragile dalla propria abitazione comporti vantaggi a livello individuale, sociale ed economico”. Se, infatti, non si sposta la persona in condizioni di fragilità dal proprio domicilio, le si evita una chivasso-cuorgne-asl-1condizione di stress con manifestazioni di difesa, di fatica e di disagio; il familiare, o più in generale chi si prende cura della persona, non perde giornate di lavoro; il sistema sanitario pubblico risparmia trasporti con ambulanza e si riducono gli accessi agli ambulatori specialistici con la conseguente diminuzione dei tempi d’attesa.

Gli infermieri delle Cure Domiciliari del Distretto di Cuorgnè potranno usare il tablet per diverse attività. Innanzitutto per lavorare in équipe con il medico di famiglia e con gli specialisti ospedalieri in modo più efficace ed efficiente, per consulti o per aggiornamenti sulla condizione clinico sanitaria della persona assistita. Nel contesto domiciliare spesso l’infermiere si trova a dover ricorrere al consulto del medico di famiglia o dello specialista e mentre oggi non ha altro mezzo che il contatto telefonico, poi potrà anche trasmettere immagini. Può essere utile, a questo proposito, portare a esempio uno dei casi occorsi al Servizio di Cure Domiciliari di Cuorgnè. A una piccola utente di tre anni, con malattia rara, in nutrizione entrale, seguita a domicilio, è stato evitato un trasporto al Presidio ospedaliero pediatrico di Torino perché, con l’ausilio dello smartphone privato dell’infermiera, autorizzata dal genitore, è stata trasmessa l’immagine del sondino mal posizionato allo specialista, che ha potuto risolvere il problema a distanza, con l’aiuto in loco dell’infermiera stessa. La trasmissione di immagini può essere utile in molte situazioni, come nel caso delle lesioni  cutanee croniche, per cui l’Azienda ha organizzato una rete di riferimenti ambulatoriali distrettuali, con medici e infermieri specializzati nel settore.

Ma la connessione online con il tablet permetterà anche all’infermiere di registrare le attività domiciliari nel sistema informativo regionale in tempo reale, dedicando così maggior tempo all’assistenza diretta perché non costretto all’attività di registrazione delle prestazioni una volta rientrato in sede. Inoltre, saranno disponibili tutte le attività possibili con un collegamento online (per esempio il navigatore o il consulto scientifico).

“Valutata l’importanza del progetto e l’impatto sul territorio – ha riferito la Presidente dell’Inner Wheel Club Cuorgnè e Canavese, dottoressa Nicoletta Aimonino Boggio – abbiamo deciso di finanziarlo per un primo anno di sperimentazione, a cui seguirà un secondo anno di finanziamento sulla base della valutazione delle ricadute sull’organizzazione del Servizio e sulla qualità di vita delle persone malate curate a casa. Fin d’ora, però, siamo sicure che la nostra donazione potrà essere utile alla fascia più fragile della nostra comunità”.

L’incontro di questa mattina ha anche costituito l’occasione per ricordare le molte donazioni a favore dell’Azienda effettuate in questi ultimi anni da parte dei diversi Club Inner Wheel, Lions e Leo, Rotary e Rotaract presenti sul territorio dell’ASL TO4 e non solo.

“Sono convinto che il «fare rete» sul territorio rappresenti una delle strategie vincenti a vantaggio dei servizi offerti ai cittadini – ha aggiunto il dottor Ardissone. In questa sinergia con il territorio, l’alleanza sensibile dei diversi Club Inner Wheel, Lions e Leo, Rotary e Rotaract è stata, è e, spero, sarà preziosa. Un’alleanza che si concretizza in generose iniziative quando si riconoscono l’impegno dell’Azienda, la professionalità degli operatori e la qualità del servizio offerto”.

Anche solo in questi ultimi cinque anni, sono moltissime le donazioni dei Club a favore dell’Azienda, in termini di apparecchiature e di contributi alla realizzazione di progetti: un carrello per medicazione per la Pediatria di Ivrea (Rotary Club Ivrea); una stampante laser a colori multifunzionale per la Pediatria di Ciriè (Leo Club Rivoli); uno spirometro portatile, che permette di valutare la funzionalità respiratoria, per la Pediatria di Ciriè (Rotaract Club Torino Valli di Lanzo); un rianimatore neonatale per la Pediatria di Chivasso (Lions Club Chivasso Duomo); sette poltrone letto per la Pediatria di Ciriè, destinate ai genitori che assistono il proprio figlio ricoverato (Rotary Club Ciriè Valli di Lanzo); progetto “Abbraccio di mamma…mamme informate sui fatti”, centrato sul potenziamento dei corsi di accompagnamento alla nascita e post-nascita, del Settore Tutela Materno-Infantile del Distretto di Cuorgnè; PASS (Progetto Andrologico di Screening per Studenti realizzato dalla struttura di Urologia dell’Azienda), iniziativa di prevenzione delle patologie della sfera sessuale maschile rivolta agli studenti degli ultimi due anni delle scuole superiori presenti sul territorio aziendale (Rotary Club Chivasso, Rotary Club Cuorgnè Canavese, Distretto Rotariano 2031, Rotary Club Ciriè Valli di Lanzo, Rotary Club Cuorgnè e Canavese); un dispositivo meccanico per insufflazione-essuflazione, utile per le persone con ridotta capacità di tossire e, quindi, di eliminare le secrezioni bronchiali, per l’Anestesia e Rianimazione di Chivasso (Lions Club Chivasso Duomo); un lettino pediatrico attrezzato per la Pediatria di Ivrea (Inner Wheel Club Cuorgnè e Canavese); opuscolo “I Frutti dell’Affido”, realizzato dalla struttura di Psicologia dell’Età Evolutiva dell’ASL e da operatori dei Servizi Sociali, una pubblicazione dai colori vivaci e allegri che gli operatori usano per aiutare i bambini in affido a elaborare i propri vissuti, attraverso il disegno, il racconto e il gioco (Rotary Club Chivasso); per il CAP (Centro di Assistenza Primaria) di Castellamonte: uno spirometro, un elettrocardiografo dotato della possibilità di connettersi alla rete aziendale consentendo così telediagnosi e telerefertazione e due formelle in ceramica realizzate da Ugo Nespolo per il Monumento alla Stufa di Castellamonte (Lions Club Alto Canavese e Rotary Club Cuorgnè e Canavese con la partecipazione dell’Inner Wheel Club Cuorgnè e Canavese e del Lions Club Caluso Canavese Sud Est; per il Centro aziendale di Screening mammografico di Strambino: un software di “elastonografia” aggiuntivo per un nuovo ecografo dedicato alla senologia donato dall’ADOD (Associazione Donna Oggi e Domani), modulo aggiuntivo importante perché permette di caratterizzare in modo più specifico le lesioni mammarie e, quindi, di ridurre gli accertamenti con agobiopsia (Lions e Leo Club Alto Canavese); pieghevole informativo sull’ictus cerebrale ischemico realizzato dalla Neurologia di Chivasso-Ivrea e da distribuire alla comunità attraverso i medici di famiglia e le farmacie per sensibilizzare i cittadini sul fatto che sia possibile trattare questa patologia, in fase acuta, con terapia trombolitica se si giunge in Pronto Soccorso entro le quattro ore dall’inizio dei sintomi (Rotary Club Chivasso, Rotary Club Ivrea e Rotary Club Settimo Torinese); corso di biodanza (esercizi specifici, svolti in gruppo e modulati attraverso la musica, per stimolare le risorse emotive personali che permettono di gestire al meglio il disagio psicologico conseguente alla malattia) realizzato nell’ambito della struttura di Psicologia Ospedaliera a favore delle persone con problemi oncologici seguite presso il Presidio ospedaliero di Lanzo (Inner Wheel e Rotary Club Ciriè Valli di Lanzo); due dermatoscopi, uno per il Poliambulatorio di Chivasso e uno per il Poliambulatorio di Settimo Torinese, strumenti che consentono di visualizzare le strutture anatomiche all’interno delle lesioni della cute con immagini ad alta definizione e, quindi, particolarmente utili nella prevenzione dei tumori della pelle (Lions Club Chivasso Host); tre letti elettrici di degenza per il Pronto Soccorso di Ivrea (Inner Wheel Club Ivrea).

“Alle iniziative di solidarietà dei diversi Club Inner Wheel, Lions e Leo, Rotary e Rotaract – ha concluso il dottor Ardissone – si devono aggiungere quelle di moltissime altre Associazioni no profit e di numerosi singoli cittadini. Che siano poche decine di euro o somme rilevanti ringraziamo tutti indistintamente con sincera gratitudine. Queste azioni di generosità testimoniano nei fatti come sul nostro territorio la sanità pubblica sia apprezzata come una sanità di qualità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here