TORINO – Fugge dopo l’incidente, ma viene immediatamente fermato da due “Baschi Verdi” della Guardia di Finanza intervenuti sul posto e denunciato per omissione di soccorso. gdf

È quanto accaduto nottetempo, a Torino, in Corso Unione Sovietica, alle 21 circa, quando i due finanzieri, liberi dal servizio, hanno udito un forte fragore tipico dell’impatto tra due veicoli. Avvicinatisi all’incrocio notavano una Fiat Panda all’interno della quale giaceva urlando per il dolore il conducente italiano – subito soccorso dai Finanzieri – che si era scontrata con una Lancia Musa condotta da F.S., queste le sue iniziali, cinquantenne di origini tunisine residente nel capoluogo piemontese, uscito incolume.

I due Finanzieri del Gruppo Torino, mentre contattavano la Sala Operativa della Guardia di Finanza per attivare i soccorsi e far giungere un’ambulanza, notavano che, approfittando dell’oscurità e della concitazione, il Tunisino si stava allontanando velocemente, abbandonando l’autovettura incidentata e, soprattutto, incurante delle condizioni del conducente dell’altra automobile coinvolta nel violento urto, rimasto ferito, dolorante e immobile all’interno dell’abitacolo.

Il tentativo di sottrarsi alle proprie responsabilità è stato subito notato dai due Baschi Verdi che si sono lanciati all’inseguimento a piedi di F.S. il quale veniva raggiunto, dopo qualche minuto in via Luigi Contratti, distante quasi 400 metri dal luogo dell’incidente. Dagli accertamenti eseguiti dalle Fiamme Gialle è emersa la sorpresa: l’uomo, originario della Tunisia e con numerosi precedenti penali a carico, non aveva mai conseguito la patente di guida. Accompagnato presso gli Uffici del Gruppo Torino, F.S., è stato denunciato a piede libero per omissione di soccorso e sanzionato per guida senza patente.

Sul luogo del sinistro sono intervenuti oltre alla Guardia di Finanza, la Polizia Municipale, che ha effettuato i rilievi ed un’equipe del 118 che ha trasportato il ferito presso l’Ospedale “Mauriziano” di Torino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here