RIVAROLO / Volley serie C – Era stato anticipato in pre-partita: “Vogliamo prenderci una rivincita contro il Vercelli, squadra che nella prima partita di andata di campionato ci ha battuti”, e così è stato, con 3 set a 1 le ragazze della Finimpianti Rivarolo Volley si portano a casa la vittoria contro il Caffè Mokaor Vercelli.Volley - Rivarolo vs Vercelli (11)

All’andata la partita, disputata a Vercelli, era finita con la vittoria per 3 set a zero per le padrone di casa, complice l’inesperienza del Rivarolo in un campionato, allora, del tutto nuovo dove l’esperienza e un po’ di malizia acquisita sul campo possono fare la differenza.

Ottima la prestazione del Finimpiati nella gara di ritorno, disputata sabato 6 febbraio, presso il Polisportivo Comunale di Rivarolo, dove le ragazze allenate da Mister Cignetti sono entrate in campo determinate, concentrate e con una forte voglia di vincere. Un buon attacco riesce a mettere in difficoltà le Volley - Rivarolo vs Vercelli (16)avversarie del Vercelli, ma, qualche problema in difesa fa si che che le ragazze della Finimpianti non riescano a distaccarsi dal Vercelli vincendo comunque il primo set per 25 a 23. Secondo set fotocopia del primo dove le padrone di casa dettano il ritmo ma non riescono mai a prendere “il largo”, concludendo e vincendo il secondo set per 25 a 21.

Per niente scoraggiato per aver perso i primi due set il Vercelli entra in campo intenzionato a giocarsela fino alla fine, riuscendo nel proprio intento e portandosi a casa il set con il risultato di 25 a 19.

Quarto set combattutissimo, dove le due squadre non hanno regalato niente alle Volley - Rivarolo vs Vercelli (14)avversarie, ma sul punteggio di 24 a 23 un commento di troppo verso l’arbitro e un plateale “battimano” , dopo una decisione arbitrale non condivisa dalla numero 9, Favini Federica, banda del Caffè Mokaor Vercelli, ha indotto l’arbitro a estrarre il cartellino rosso, regalando così il punto della vittoria al Rivarolo Volley.

Una partita combattuta in campo ma soprattutto sugli spalti dove, il non numeroso pubblico, ma molto “rumoroso” e polemico ha animato una partita che già in se stessa era spettacolare, ma questo è anche lo sport, dove il pubblico si sente coach, giocatore e arbitro, senza ricordarsi che in campo ci sono 12 ragazze che sono in campo non solo per vincere ma sopratutto per giocare, giocare uno sport amato e che la vittoria è importante ma non è tutto, quando si riesce a dare spettacolo e giocare una bella partita.

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here