AGLIÈ – Sono giunte in redazione le riflessioni del Sindaco di Agliè, Marco Succio, in merito alla proposta di legge n.3420, primo firmatario Onorevole Lodolini.

“Confido sul buonsenso di chi sarà chiamato a votare questa proposta di legge…- scrive il aglie municipio (3) (RID)primo cittadino – Spero vivamente che ci sia una levata di scudi trasversale e determinata… L’eventuale fusione tra piccoli Comuni deve nascere da un processo democratico e volontario basato sulla conoscenza dei territori e non da un’imposizione che creerebbe scompiglio, maggiori costi e minor funzionamento dei servizi, specialmente in alcune zone, storicamente caratterizzate dalla presenza di piccoli comuni, spesso veri e propri presìdi di territori con peculiarità storiche, geografiche e culturali uniche e difficilmente gestibili in altre forme amministrative.
Per molti anni si è cercato di valorizzare i piccoli territori, vero patrimonio culturale della nostra nazione, sostenendo politiche che ne  evitassero lo spopolamento.
Da ormai qualche tempo si è messa in moto un’inversione di tendenza, che raggiunge il suo apice negativo con questa proposta di legge,  con la quale si vuole  sacrificare la nostra storia amministrativa in nome di un fantomatico risparmio di risorse pubbliche.
Infatti, non solo non esiste un risparmio, ma è ben dimostrabile come con le gestioni associate o unificate, l’unico risultato tangibile sia l’aggravio dei costi con una riduzione dell’efficienza dei servizi ai cittadini
La strada per stimolare il processo di unificazione, laddove possibile, non può che essere volontaria, eventualmente sostenuta da meccanismi che prevedano agevolazioni o premialità, ma che nel contempo lascino liberi i Sindaci di decidere la strada amministrativa più adatta ai singoli territori.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here