CANAVESE – “E’ pienamente operativo il piano aziendale contro il picco influenzale – riferisce il Direttore Generale dell’ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone. Piano costituito da diversi interventi, che vanno ad agire a livello ospedaliero, per rendere più efficiente la gestione delle persone ricoverate, a livello dei CAVS, per agevolare le dimissioni protette, e a livello della guardia medica, per potenziarne alcune sedi”.

“Al momento, tuttavia, nei nostri Pronto Soccorso – aggiunge il dottor Ardissone – non si è influenzaancora verificato un aumento significativo degli accessi per complicanze conseguenti all’influenza”.

Le Direzioni di Presidio ospedaliero hanno predisposto una serie di indicazioni operative per rendere più efficiente la gestione della persone ricoverate, sia per quanto riguarda la degenza media sia, in collaborazione con le Direzioni di Distretto, per quanto riguarda le dimissioni.

Per agevolare le dimissioni delle persone ricoverate, disposizioni regionali consentono alle Aziende sanitarie di stringere accordi con le strutture private accreditate del territorio per incrementare la disponibilità di posti letto nei CAVS (nuclei di Continuità Assistenziale a Valenza Sanitaria), strutture sanitarie intermedie tra ospedale e territorio a valenza territoriale. L’ASL TO4 ha attivato, con le strutture private accreditate del territorio, 9 posti letto CAVS (6 nell’area ciriacese e 3 nell’area eporediese); per l’area chivassese, sono state incrementate le sinergie con l’Ospedale di Settimo Torinese.

Nei weekend e nei festivi è stata aumentata la presenza di medici di guardia medica nelle postazioni limitrofe alle sedi di Pronto Soccorso. Qualora, infatti, una persona dovesse arrivare in Pronto Soccorso con una sintomatologia influenzale non grave, per ridurre l’attesa le sarà riferito di rivolgersi alla guardia medica.

Le azioni organizzative appena citate sono state predisposte per il periodo influenzale e saranno garantite fino al 15 marzo per le attività di ricovero, come disposto dalla Regione, e fino al 31 marzo per gli altri interventi, compreso il potenziamento della guardia medica.

“Al fine di garantire un puntuale monitoraggio dei passaggi in Pronto Soccorso e dei ricoveri – conclude il dottor Ardissone – abbiamo individuato un coordinatore aziendale, il dottor Angelo Scarcello, Responsabile della Direzione del Presidio ospedaliero di Ciriè-Lanzo”. In caso di sovraffollamento o di criticità nelle dimissioni, il Coordinatore si raccorderà con la Direzione Aziendale e con le Direzioni di Presidio per l’individuazione e l’applicazione di eventuali ulteriori azioni organizzative.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here