martedì 22 Giugno 2021
martedì, Giugno 22, 2021
spot_img

CANAVESE – “Bollini Rosa”: anche per il biennio 2016-2017 premiati gli Ospedali dell’ASL TO4 a misura di donna

CANAVESE – Questa mattina, a Roma, nella cornice della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si è svolta la cerimonia di premiazione della rete “Bollini Rosa” per il biennio 2016-2017, formata da 249 strutture ospedaliere che si sono distinte per la loro offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, con particolare attenzione alle esigenze delle donne.

Tra le strutture premiate, come già per il biennio 2014-2015, rientrano gli Ospedali di Ciriè e di Ivrea (due bollini rosa) e l’Ospedale di Chivasso (un bollino rosa). Le specialità dell’ASL TO4 partecipanti alla candidatura sono state la Breast Unit, l’unità di senologia che è parte integrante e attiva della Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, e le strutture di Ostetricia e Ginecologia.

Nel sito www.bollinirosa.it è possibile consultare le schede degli ospedali premiati, suddivisi per regione, con l’elenco dei servizi offerti e lasciare, da parte delle utenti, un commento in base dell’esperienza personale.

Presenza di specialità cliniche dedicate alle principali patologie di interesse femminile, appropriatezza dei percorsi diagnostico-terapeutici e offerta di prestazioni aggiuntive legate all’accoglienza in ospedale e alla presa in carico della paziente: sono questi i criteri di valutazione che consentono agli ospedali di ottenere uno, due o tre “bollini rosa”, il riconoscimento che l’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (ONDa) attribuisce alle strutture attente alla salute femminile.

Diverse le novità del bando per il biennio 2016-2017. Tra queste, l’introduzione di una sezione dedicata alla prevenzione oncologica, al fine di valutare i servizi offerti dagli ospedali per la diagnosi precoce delle principali patologie oncologiche di interesse femminile, mentre nell’ambito della ginecologia e ostetricia è stato inserito un focus sui temi dell’interruzione volontaria di gravidanza, della contraccezione e delle malattie sessualmente trasmissibili, problematiche di importante attualità riguardanti la salute della donna in età fertile.

Il Programma Bollini Rosa unisce l’obiettivo di fornire informazioni trasparenti sulle strutture eccellenti presenti sul territorio e l’intento, come già avviene in tutto il mondo, di passare da una “medicina prescrittiva”, in cui è il medico a dire che cosa fare, a una “medicina partecipata”, in cui è la persona a decidere a chi e dove rivolgersi, esercitando così il proprio diritto alla libertà di scelta e di informazione.

“Questo riconoscimento – dichiara il Direttore Generale dell’ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone – premia tutti gli operatori della nostra Azienda che ogni giorno si impegnano con competenza, dedizione e passione, pur tra le difficoltà, a garantire servizi efficaci, appropriati e integrati per la salvaguardia della salute femminile”. “E premia anche – aggiunge il dottor Ardissone – la volontà dell’Azienda di continuare a investire in termini di strutture e risorse in un settore strategico e delicato per le famiglie e per l’intera collettività come quello del materno infantile”.

[Best_Wordpress_Gallery id=”1918″ gal_title=”01-01-01 Pubblicità”]

spot_img
spot_img
spot_img