venerdì 18 Giugno 2021
venerdì, Giugno 18, 2021
spot_img

INTERVISTA AL DOTTOR MARIO GIORDANO

di Alessandra Hropich scrittrice per Bibliotheka Edizioni

Incontriamo il Dottor Mario Giordano, Amministratore delegato di Ibl banca che, con grande cortesia e solarità, mi fa dono dello splendido bassotto, simbolo molto amato di Ibl banca.

Dottor Giordano, vogliamo parlare del premio: “Di padre in figlio? “

Risposta:  È stato un premio molto ben costruito. Erano 140 aziende con passaggio generazionale.
Il premio “Performance finanziarie” l’ ho vinto io. Il primo premio,  l’ ha vinto il figlio di Giovanni Rana. Vi erano cinque finalisti.
E’ stato bello raccontare la nostra storia,  non è facile emulare i genitori. Tra i premiati, c’ era Antinori, che vanta una storia di ventisei generazioni di vino.
Il mio intervento ha suscitato simpatia per l’ aneddoto della casualità che brevemente vi racconto: “Eravamo in Puglia, il Salento era pieno di banche private. Un giorno mio padre che era direttore generale di una delle banche locali, eccezionalmente, perché non parlava mai di lavoro a casa, lo fece, parlando con la mamma di banche.
Io dissi: “Papà,  perché tutti comprano banche e tu no?” Mio padre mi guardò con sguardo severo e mi rispose:  “Tuo padre non c’ è riuscito e, forse, non ci riuscirà mai ma vediamo se ci riuscirai tu!”
Accadde poi che davvero mio padre acquistò una percentuale di una banca di cui poi sono diventato direttore.

 

Dottor Giordano, allora sin da piccolo, lei coltivava la passione per la banca?

Risposta: Avevo il pallino e nel 2003 siamo diventati banca. E l’ attività parte dal 2004. Mio padre, persona ingombrante come uomo, mi lasciava operare.
I suoi complimenti degli ultimi anni erano da me molto graditi. Oggi, posso dire che Ibl è una banca con una bella storia pulita e seria.

 

Dottore, parliamo della rata bassotta, cavallo di battaglia ed emblema della Vostra banca?

Risposta: Come si può immaginare,  é una rata molto gradita perché parliamo di un finanziamento che costa poco e si restituisce con calma.

 

Cosa contraddistingue Ibl?

Risposta: Siamo leader nella cessione del quinto. La nostra sfida è stata quella di fare sempre la cessione del quinto diventando banca. Non siamo una banca tradizionale ma la nostra scelta è stata chiara e siamo noti per questo.

 

Fate finanziamenti particolari, prestando attenzione ad alcune categorie di persone?

Risposta: Si, i pensionati, categoria considerata debole, noi abbiamo esteso anche a loro il finanziamento. Posso dire che vi è una notevole domanda di liquidità per i parenti.
Abbiamo finanziamenti a tasso fisso e costante. Esiste la polizza obbligatoria per legge, infatti, in caso di morte, si estingue il debito e lo paga la compagnia assicuratrice, senza gravare sui parenti.

 

Quindi, mi sembra di capire che i pensionati hanno molta stima della Vostra banca? 

Risposta: Ci sono persone, come i pensionati, che hanno fiducia solo delle banche.  Pensi che altre banche si appoggiano a noi solo per chiederci la cessione del quinto che loro non hanno.
La cessione del quinto ha una valenza sociale. Da noi, chi ha un disguido, tipo un cattivo pagatore, può avere il finanziamento.

 

Per quali altri prodotti siete conosciuti?

Risposta: Siamo conosciuti per i conti deposito, liberi o vincolati entro 36 mesi che danno ottima remunerazione rispetto ai classici conti ordinari.  Abbiamo il Conto libero, ottimo deposito senza rischi.

 

Parliamo del famoso bassotto?

Risposta: È stata un’ idea nata dall’ interno e che ha avuto molto successo. Ha vinto dei premi per l’ originalità della campagna pubblicitaria. Il bassotto rende la banca più vicina alle persone.

 

Quindi, Ibl ricorda automaticamente la rata bassotta?

Risposta:  La rata bassotta è Ibl banca!

Dottor Giordano,  poche parole per descrivere la Sua persona.

Risposta: Sono un amante del bello. Sono del segno del toro, caparbio e con i piedi per terra. Amo il buon cibo ed ho la passione per i cavalli e preferisco la femmina perché è più viva.

 

Sport preferiti?

Risposta: Andare in barca a vela. Amo il mare.

 

Se non fosse Amministratore delegato di Ibl banca, cosa avrebbe voluto fare?

Risposta: Non saprei fare altro. Amo gestire le risorse ed ho la capacità di far aprire le persone.

 

Per chiudere: solitamente gli Amministratori di grandi gruppi o società sono seriosi e, diciamolo, un pò grigi,  lei appare un uomo molto frizzante ed entusista. Come mai?

Risposta: Cerco di trasmettere il mio entusiasmo. Sono ottimista e faccio il possibile per contagiare anche gli altri.

 

[Best_Wordpress_Gallery id=”1828″ gal_title=”01-01-01 Pubblicità”]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img