sabato 8 Maggio 2021

CALUSO – BATTAGLIA TRA “PRO” E “CONTRO” IL VETERINARIO

CALUSO – Sta diventando una battaglia tra i “contro” e i “pro” la vicenda che vede coinvolto, il dottor Luciano Ponzetto, veterinario di Caluso, con la passione della “caccia grossa”.

In quest’ultima fase si sono scatenati i “pro”, i quali hanno appeso, questa notte, striscioni sulle vetrine del suo studio Veterinario, riportanti la frase “#iostoconilDottorPonzetto”. Striscioni in netto contrasto con quelli appesi la notte precedente dal Fronte Animalista, i quali riportavano invece “Lo pagate per Salvare e lui si diverte ad uccidere!”.

La vicenda del medico che si diverte con i safari di caccia, è nata dai Social, e subito riportata dai media. Il Dottor Ponzetto ha immediatamente inviato un comunicato nel quale sottolineava che “La professione di veterinario non è incompatibile, né sotto il profilo deontologico né sotto quello morale, con attività di caccia o safary, praticate nel rispetto delle vigenti leggi, ove esse possono essere svolte.”

Ma quello che vedono gli animalisti è una discrepanza morale ed etica, non una violazione di legge. Una violazione morale al giuramento fatto di salvare vite, richiesto dalla sua professione. Discrepanza non avvertita dai padroni dei suoi clienti, i quali spiegano, in un foglio affisso allo studio, le motivazioni per le quali stanno dalla parte del medico: “….è un valido professionista, in questi anni ha esercitato la sua professione con passione e impegno. Ha dimostrato di amare il suo lavoro, mettendo sempre al primo posto la cura dei suoi pazienti e mai il conto da saldare….ci fidiamo delle sue capacità, solo il suo staff lo eguaglia in questo….”.

Una vicenda che non è ancora destinata a quietarsi. Ponzetto nel comunicato, aveva avvisato, in sostanza, che se, dall’accostamento tra la professione e il suo hobby, ne avesse avuto un danno di immagine ed economico, “sarebbe costretto, suo malgrado, a tutelare i suoi interessi in ogni sede deputata, contro coloro che hanno diffuso e amplificato notizie tra loro non correlate, che attengono alla sfera privata e che, accostate tra loro, sono volte a produrre pregiudizi gravi circa la professionalità del veterinario.”

Infine Ponzetto è Direttore Sanitario del Canile di Caluso, posizione resa , forse, precaria dalla vicenda.

Una vicenda complessa che sta suscitando un vero e proprio processo social-mediatico: chi lo accusa e chi lo assolve.

[Best_Wordpress_Gallery id=”1437″ gal_title=”01-01-01 Pubblicità”]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img