LUSIGLIÈ – Lorenzo Croce, presidente nazionale dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente, ha presentato alla Procura un esposto denuncia nel quale ipotizza che don Luciano Bardesono, parroco di Lusigliè e Ozegna, utilizzi per il suo hobby i proventi della raccolta delle elemosine in chiesa e che quindi paghi la sua licenza di caccia con i soldi raccolti per le famiglie bisognose.lusiglie-parroco-1

l reato ipotizzato dal Presidente dell’Aidaa è di truffa ai danni dei fedeli che versano gli oboli perchè vengano destinati alle persone povere, mentre invece con una parte degli stessi il parroco pagherebbe la quota della licenza di caccia.

La questione è stata aperta in seguito alla vicenda in cui è rimasto coinvolto don Luciano: caduto mentre andava a caccia nelle campagne di Ciconio e dato per disperso, è stato trovato e soccorso dalla Protezione civile La Fenice.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here