ALBA – I tabui”, o semplicemente cani da tartufo, non vedono l’ora di mettere alla prova il proprio fiuto nei boschi delle Langhe alla ricerca delle preziose pepite che hanno reso celebre Alba nel Mondo.tartufo-bianco (Rid)

Partirà infatti oggi, lunedì 21 settembre – e si concluderà il 31 gennaio 2016 – la stagione di raccolta del celebre Tartufo Bianco d’Alba, re della tavola piemontese che vedrà impegnati ben 4.000 cercatori, in piemontese trifolau, dotati di regolare patentino. Dalla luna crescente di settembre e dalle piogge di fine estate le notizie più positive: per una stagione che, secondo gli esperti del Centro Nazionale Studi Tartufo di Alba, dovrebbe durare ben oltre il periodo natalizio portando tartufi ancor più buoni e profumati. Quanto ai prezzi, le prime valutazioni si potranno avere solo a circa una settimana dall’inizio di raccolta e saranno visibili attraverso la borsa del tartufo, sul sito www.tuber.it.

ANTONIO DEGIACOMI, PRESIDENTE DEL CENTRO NAZIONALE STUDI TARTUFO DI ALBA

“Quest’anno prevediamo una buona stagione che inizierà ad entrare nel vivo un po’ più tardi del solito a causa della siccità riscontrata a luglio nelle zone di raccolta ma che ci auguriamo darà delle soddisfazioni a lungo termine. Infatti grazie alle piogge di fine agosto e ad una straordinaria attività lunare prevista a settembre, con un’eclissi il 28 del mese e una luna enorme, ci aspettiamo che crescano tartufi copiosi e di buona qualità e che possano arrivare ben oltre il periodo di Natale. Una notizia positiva per tutto il comparto turistico e ristorativo delle Langhe in quanto sarà possibile allungare la stagione di punta del tartufo fino al 2016”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here