domenica 16 Maggio 2021
domenica, Maggio 16, 2021
spot_img

CANAVESE – Revisione organizzativa dell’endoscopia digestiva

CANAVESE – È in corso una revisione organizzativa dell’attività di endoscopia digestiva, frutto di una profonda analisi avviata già da tempo con il Direttore della Gastroenterologia, dottor Sergio Peyre, e le Direzioni Mediche di Presidio.

Il nuovo assetto organizzativo, che sarà operativo a partire dal prossimo 15 settembre, ha l’obiettivo di garantire un servizio di elevata efficienza ed efficacia, associate alla massima sicurezza per l’utente.

“Il nostro obiettivo – spiega il Direttore Generale dell’ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone – è quello di valorizzare ogni singolo Ospedale dell’Azienda, ma all’interno di un sistema di presidi in rete, in cui alcuni centri erogano prestazioni più complesse e altri prestazioni di diagnosi e cura meno complesse, ma con pari dignità e integrandosi tra loro. In questo modo, si mettono in comune professionalità e tecnologie in percorsi virtuosi, e sicuri, a disposizione dei cittadini”.

“Sulla base di questa logica, – aggiunge il Direttore Sanitario dell’ASL TO4, dottor Giovanni La Valle – si è ritenuto opportuno individuare nelle sedi ospedaliere di Chivasso, di Ciriè e di Ivrea, in cui sono presenti il DEA (Dipartimento di Emergenza e Accettazione) e le Strutture cliniche di emergenza (Anestesia e Rianimazione, Chirurgia), quelle presso le quali svolgere le attività di endoscopia con profilo di complessità elevato. In questo modo, si garantisce il supporto massimo in caso di complicanze. Si svolgono, invece, presso gli  Ospedali di Cuorgnè e di Lanzo, non sede di DEA e di Rianimazione, gli accertamenti con profilo di complessità medio-basso (gastroscopia e colonscopia non a rischio e  prestazioni legate allo screening dei tumori del colon-retto)”.

Per prestazioni complesse di endoscopia si intendono l’ERCP (Colangio-Pancreatografia Endoscopica Retrograda) e l’Ecoendoscopia.

L’esame ERCP è una procedura che utilizza l’endoscopia e la radiologia per comprendere che cosa ostruisce il normale deflusso della bile e del succo pancreatico nell’intestino (calcoli delle vie biliari oppure ostacoli di origine infiammatoria o tumorale) e per rimuovere l’eventuale ostacolo.

L’Ecoendoscopia è una procedura che consente di esplorare il tubo digerente e gli organi circostanti grazie all’applicazione di una piccola sonda a ultrasuoni sulla punta dell’endoscopio.

Presso gli Ospedali di Chivasso, di Ciriè e di Ivrea saranno svolte le attività di endoscopia digestiva ambulatoriale (gastroscopia, colonscopia), gli interventi in endoscopia locale e le prestazioni di screening dei tumori del colon-retto.

Presso la sede ospedaliera di Ivrea, inoltre, saranno polarizzati gli esami ERCP, data la presenza di spazi e di tecnologie che ne garantiscono l’esecuzione in massima sicurezza per l’utente. Si sta valutando, comunque, la possibilità di svolgere questi esami anche in un altro degli Ospedali aziendali sede di DEA e di Rianimazione.

Le attività di Ecoendoscopia, invece, saranno svolte presso l’Ospedale di Chivasso.

Negli Ospedali di Cuorgnè e di Lanzo continuerà a essere svolta l’attività ambulatoriale endoscopica (gastroscopie, colonscopie) e di screening dei tumori del colon-retto; non saranno, invece, effettuati gli interventi in endoscopia locale.

Con il trasferimento delle prestazioni di ERCP e di Ecoendoscopia dall’Ospedale di Cuorgnè, in questa sede le attività ambulatoriali di endoscopia e di screening dei tumori del colon-retto potranno essere potenziate.

Prima della messa a regime della nuova organizzazione, sarà svolto un ulteriore evento di comunicazione, con la presenza del Direttore Sanitario d’Azienda, per gli aspetti organizzativi, e del dottor Peyre, per gli aspetti tecnici.

[Best_Wordpress_Gallery id=”291″ gal_title=”01-01-01 Pubblicità”]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img