martedì 18 Maggio 2021
martedì, Maggio 18, 2021
spot_img

BASKET – Marco De Benedetto : Team Manager di Auxilium Torino

BASKET – Modi gentili e tanta determinazione. Così si presenta il Team Manager dell’Auxilium Cus Torino, il 32enne pinerolese Marco De Benedetto.

La sua è una storia di passione cestistica, nata come giocatore nelle formazioni di seconda schiera (con tutto il rispetto per chi forma, crea, e avvicina al nostro sport le nuove leve), vedi Pinerolo e Pancalieri, concretizzatasi negli ultimi anni attraverso diversi passaggi che lo hanno condotto nell’area tecnica e dirigenziale: “Quando ho capito che con la pallacanestro giocata non sarei arrivato molto lontano – ammette con grande umiltà – mi sono chiesto come avrei potuto trasformare in un lavoro e in un’occupazione per la vita tutto ciò che di cestistico mi aveva animato fin da piccolo. Mentre i miei compagni pensavano solo al gioco, io già mi cimentavo nella cura delle statistiche, nella preparazione dei profili di giocatori, addentrandomi nel mondo dello scouting che tanto mi affascinava”.

Cosa accadde a quel punto, quando decidesti di abbandonare la pallacanestro giocata e il ruolo di ala piccola?: “Feci tre domande ad esperti del settore. Una non ebbe risposta, mentre due mi aprirono le porte a quello che sarebbe diventato un mondo fantastico e di profondi valori. Un vero e proprio mentore è stato per il sottoscritto Adam Filippi, ora scouting di Charlotte. La svolta è arrivata con Marco Crespi che mi ha voluto a Casale, società con la quale ho collaborato a partire dal 2009, inizialmente nella veste di tuttofare, poi come responsabile della parte scouting. Un periodo altamente formativo, che mi ha permesso di lavorare a fianco di General Manager del calibro di Petronio e Martelli”.

Quali i successivi passi di carriera?: “Nell’estate del 2013 vengo chiamato a Lucca, in Lega2 Silver iniziando anche un piccolo percorso in panchina, da allenatore. Una parentesi dalle tinte forti, nel bene, per i compagni di avventura e le sinergie professionali createsi, e nel male poiché nel marzo del 2014 la società visse il tracollo e fallì. Così ecco l’approdo alla corte di coach Bechi, lo scorso anno nella veste di assistente. Ora la nuova figura di Team Manager, gratificante e dalle mille sfaccettature”.

[Best_Wordpress_Gallery id=”277″ gal_title=”01-01-01 Pubblicità”]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img