RALLY – A poco più di un mese dal “Liburna Ronde Terra”, gara test in vista del debutto, inizia ufficialmente l’avventura mondiale di Enrico Brazzoli nel mondiale rally;Brazzoli_Liburna (RID)

il driver cuneese sarà ai nastri di partenza del “Vodafone Rally de Portugal”, in programma dal 21 al 24 maggio, a bordo della Subaru STI N4 allestita dalla factory di Marco Tempestini.

Il portacolori della scuderia torinese Winners Rally Team, dopo molte esaltanti stagioni nel campionato europeo storico con la Porsche prima e la Lancia Rally 037 poi, condividerà l’abitacolo della vettura nipponica con l’esperto navigatore ligure Maurizio Barone insieme al quale cercherà di prendere confidenza con gli impegnativi tratti cronometrati lusitani. “Sarà un’esperienza completamente nuova, tanto difficile quanto affascinante; sembra impossibile potersi confrontare con i migliori equipaggi del mondo sulle speciali del campionato mondiale rally.” – commenta Brazzoli a poche ore dalla pedana di partenza – “Sono emozionato, non vedo l’ora di indossare il casco e di vedere il semaforo verde di inizio “piesse”; ringrazio tutti coloro che credono in me, i partners che hanno reso possibile tutto questo ed i miei fans che mi seguono con passione ed entusiasmo.”

Il Rally del Portogallo, quinto appuntamento del campionato WRC 2015, è di quelli da far venire i brividi. Lasciata la regione turistica dell’Algarve, a sud del Paese, l’Automobile Club de Portugal torna al Nord dopo 14 anni. Per l’occasione, gli organizzatori hanno messo a punto un itinerario di 16 tratti cronometrati che, dal 21 al 24 maggio prossimi, riporterà nel circus iridato alcune tra le prove speciali più tradizionali della specialità.

Delle vere e proprie “classiche” del rallysmo. Tredici le municipalità coinvolte. Non passano inosservati quelli di Amarante e Vieira – presenti nel percorso fino all’ultima edizione “del Nord” nel 2001 -, quello di Lousada, vecchia Superspeciale (e appuntamento “tradizionale” del Rallycross europeo) che tornerà a fare capolino nel WRC.

Quella più interessante, tuttavia, resta quella di Fafe, che dopo aver riassaporato il WRC negli ultimi anni, con l’omonimo Rallysprint, sarà anche la “Power Stage”, dove si accenderanno le telecamere della diretta TV internazionale della domenica. La gara – che avrà il suo quartier generale alle porte della città di Porto, nelle strutture dell’Exponor di Matosinhos – attraverserà, però, anche le municipalità di Viana do Castelo, Ponte de Lima, Paredes, Valongo, Baião, Caminha e di Mondim de Basto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here