BORGARO – Il pubblico, in Consiglio comunale, non ha facoltà di intervenire. Ma c’è chi è riuscito a far sentire la propria voce senza aprire bocca.

La sua prima uscita, l’ex consigliere Antonio Di Biase l’aveva fatta lo scorso consiglio comunale, quando, dopo una lunghissima assenza, si era presentato con una di biase (RID)maglietta che certo non era passata inosservata, e che riportava la scritta: «Italia libera dalla corruzione». Lunedì sera ha bissato, con una nuova t shirt “dedicata” all’assessore al Bilancio Gigi Casotti: «Casotti = Nepotismo + assessore bugiardo: Irfep 2014 +60%. Via mandatelo via. Il lupo perde il pelo, Casotti cambia la tasca».

Poi, con qualche “Psss psss”, Di Biase ci ha anche provato a farsi sentire, ma il suo tentativo è stato bloccato sul nascere dalla presidente Maria Mainini: «Faccio finta di non vederla sennò dovrei farla spogliare e sarebbe peggio».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here