CASTELLAMONTE – Per far emergere il dolore, la sofferenza che Gianni Forma ha passato, la moglie ha voluto che venisse pubblicata integralmente la lettera che lui le scrisse poco prima di arrivare al Comando di Polizia Municipale e togliersi la vita.I forti dolori laceranti che provava alla schiena, quell’indifferenza riscontrata nella sanità. I famigliari desiderano che si sappia, per la sua memoria e perché non accada a qualcun altro.

«Giorgia ti amo.

Non riesco a reggere il dolore. Perdonami ma cerca di capire. Siamo andati dappertutto, ci hanno rimandati a casa con due pastiglie e ci hanno lasciati soli. Vigile Castellamonte (RID)Questa è la sanità italiana.

Neanche le suppliche sono servite. Tu hai fatto tutto il possibile per sostenermi e starmi vicino, alcuni amici ci hanno aiutato ma la classe medica ha solo e sempre scaricato il problema: diagnosi di colite, ernia discale, prescrizioni di fisioterapia, massaggi.

Nessuno ha accolto le mie e le tue suppliche che evidenziavano questo dolore fisico così intenso da non lasciarci dormire entrambi per settimane.

Nessun ricovero in ospedale per accertare la causa del dolore così intenso, solo prescrizioni di farmaci a domicilio, di cui conosci la lista e l’assoluta inefficacia.

Il dolore che provo, parlo di dolore fisico, non viene preso in considerazione, non si cerca di accertarne le cause ed eliminarlo ma si guardano i parametri vitali e, se sono a posto, a casa.

Peccato che questo dolore che non ti dà tregua ti porti a cercare la liberazione da esso. Ma tu sei lasciato solo e, assieme a te, i tuoi familiari. Nessuna traccia di umanità in questo. Se provi dolore intenso è perchè sei depresso, non “sei depresso” perchè provi un dolore che non ti dà tregua.

Spero che la mia esperienza di rincorsa alla sanità pubblica e privata con richieste di aiuto, testimoniate dagli amici che mi hanno accompagnato o dai pazienti presenti al pronto soccorso con me, testimonino un sistema che lascia il singolo totalmente solo.

Ma io non sono stupido e nemmeno tu. Solo il cancro può dare un dolore e un deperimento così.

Un abbraccio alle uniche persone che hanno reso parti della mia vita intense ed ineguagliabili: Ester, Clemente e la mia adorata Gergance. Con lei ho conosciuto l’amore nel senso più pieno del termine. Persone stupende».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here