TORINO – Ci sarebbe un gruppo di dipendenti del Comune di Torino tra gli ostaggi italiani al museo del Bardo di Tunisi. Tra loro Carolina Bottari, 54 anni, impiegata presso l’ufficio Patrimonio dell’amministrazione comunale.museo del Bardo di Tunisi (RID)

La comitiva era in crociera a bordo della Costa Fascinosa. L’amministrazione comunale si sta mettendo in contatto con la Farnesina.

Con Carolina Bottari, tra i torinesi ostaggio al museo del Bardo di Tunisi – secondo quanto risulta al Comune di Torino – ci sono anche Anna Bagnale, Antonella Fesino e Antonietta Santoro. “Lavorano all’Ufficio Patrimonio – dice all’ANSA l’assessore al Bilancio Gianguido Passoni – ma potrebbero esserci altri dipendenti”.

Partecipavano ad una gita organizzata dal Circolo ricreativo dipendenti comunali (Crdc) di Torino le quattro torinesi che sono ostaggio al museo del Bardo di Tunisi. Una trentina di persone, tra dipendenti comunali e loro parenti, era in crociera con la Costa Fascinosa.

La nave, partita domenica scorsa da Savona, questa mattina ha attraccato a Tunisi. Il programma della giornata prevedeva la visita del centro storico, lo shopping nel suk e, appunto, una tappa nel museo del Bardo.

AGGIORNAMENTO (16:16)  – Stanno bene, e si trovano ora in una caserma della polizia di Tunisi, due dei sei torinesi che sono stati ostaggio nel museo del Bardo di Tunisi. Lo rende noto il presidente del Circolo ricreativo dipendenti comunali (Crdc) di Torino, Roberto Bonante. “Abbiamo parlato con loro”, riferisce. “Abbiamo perso i contatti con gli ostaggi torinesi. La comunicazione telefonica si è interrotta ed ora non riusciamo più a contattarli”. Lo afferma all’ANSA Roberto Bonante, presidente del Circolo ricreativo dipendenti comunali (Crdc) di Torino. “Speriamo – aggiunge – che non sia successo nulla…”.

AGGIORNAMENTO (16:24) – “Stiamo bene, ma non sappiamo nulla dei nostri amici”: così i due ostaggi torinesi liberati al telefono con alcuni colleghi del Comune di Torino. Degli altri quattro ostaggi, al momento, ancora nessuna notizia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here